Sunset in Sanremo

Sunset in Sanremo

La prima foto dell’anno è quasi sempre scattata il primo dell’anno (su queste pagine). E invece no. Non sono riuscito a fotografare nulla il primo di gennaio (voglia zero) e quindi pubblico una foto del 20 dicembre. Dai, quasi a fine anno. Quella sera sono uscito senza nessuna velleità fotografica ma, ovviamente, con me avevo lo zaino e la reflex. Non esco quasi mai senza reflex. La mattina avevo lasciato la macchina parcheggiata sul lungomare di Sanremo in uno dei pochi parcheggi gratuiti della città. E per raggiungerla ho attraversato Corso Matteotti (la via dell’Ariston per intenderci). In una traversa ho intravisto il cielo e ho capito che il sole stava tramontando sul mare. Anzi, era già tramontato. Mi sono precipitato sulla passeggiata mare e ho scattato senza cavalletto, senza filtro, praticamente al volo. E’ un tramonto, nulla di clamoroso e nulla di nuovo. Però l’idea di iniziare il 2015 con una foto poetica mi garbava. Buon anno.

Best of 2014

Il 2014 è stato un anno difficile dal punto di vista fotografico e la mia produzione è diminuita sensibilmente rispetto all’anno precedente. Merito (e colpa) della paternità, una di quelle cose che cambia la vita di una persona. E di un fotografo ovviamente. Se la prima parte dell’anno è stata comunque vivace, da Agosto in poi la protagonista delle mie foto (e dei miei pensieri) è stata sicuramente Alice, che giocoforza ha limitato anche la mia voglia (e le mie possibilità) di scrivere e pubblicare le mie immagini. Tornando indietro nel tempo ricordo molto volentieri i pochi giorni passati a fotografare i colori delle cinque terre (dicembre 2013 in realtà), la vacanza in Turchia e Cappadocia (con relativo volo in mongolfiera), il carnevale di Viareggio, la Color Run di Torino, le emozioni del #WoWAltalanga e ovviamente i primi sorrisi della piccola Alice. La promessa per il prossimo anno è certamente quella di aumentare il ritmo fotografico e di pubblicazione. Spero di riuscirci (impegni di papà permettendo).

First light in VernazzaThe MagicianHysterica #02My vision of natureAtaturkMirror [Tuz Gölü]Ready to Fly (Sunrise)The color HappyQueen on chess fieldYellow and Green in Camerana #01Pregnant #01Alice #07 [Tarta]

Alice X’Mas #02

Alice X'Mas #02

Alice X’Mas #01

Alice X'Mas #01

Come tradizione vuole il 24 dicembre (nella notte) pubblico una foto dedicata al Natale. E quest’anno la protagonista della foto non poteva che essere la nostra piccola Alice, la vera protagonista di questo Natale 2014. Abbiamo scelto un vestito a righe, i colori tipici delle feste, un’espressione divertente ed ovviamente il cappello rosso del Babbo più celebre. E il nostro più sincero augurio per un bellissimo e felice Natale.

Alice [New Born]

Alice #07 [Tarta]

Sono passati tre mesi dal mio ultimo post. Tre mesi particolari, intensi, frenetici. La sera di quel 7 settembre (poco dopo la pubblicazione delle foto) siamo andati in ospedale. Il mattino successivo, alle 9.55, Alice decideva di scoprire il mondo reale. E fra pianti, pannolini (lavabili) sporchi, poppate, notti insonni e tante risate i primi tre mesi sono passati volando. Davvero volando. Ed è ora di tornare a scattare foto. In realtà non ho mai smesso di fotografare quella che giocoforza è diventata la mia modella preferita: dai primi secondi di vita sino a ieri sera. Ed ecco una selezione di immagini, le prime tre. Non saranno certo le ultime anche perché per il sottoscritto la piccola Alice Agnese (si, doppio nome) è la protagonista indiscussa di questo 2014. E non so per quale motivo ma credo che i prossimi anni della mia vita saranno dedicati in gran parte, fotograficamente e non, a questa piccola modella.

Alice #02 [Wadding]Alice #01 [New Born]

Pregnant

Photograph Pregnant #01 by Samuele Silva on 500px

Il 7 settembre sta per concludersi. In teoria, ma in questi casi si parla sempre di teoria, è il giorno fatidico. Non sarà così. E’ comunque questione di giorni, forse di ore. E colgo l’occasione per pubblicare le foto che abbiamo scattato a fine luglio, all’alba, ad Imperia. Lo scenario è la splendida Galeazza: nelle foto Michela e, un po’ nascosta, Alice. E’ iniziato il vero conto alla rovescia. Manca poco, pochissimo.

Pregnant #02Pregnant #03Pregnant #04

Intuizione

Intuizione

Mi trovavo al palazzetto dello Sport di Roccaforte Mondovì in attesa che iniziasse lo spettacolo. Nella noia dell’attesa e nel buio della sala ho notato come l’enorme vetrata in alto emanasse una luce estremamente potente e curiosa. Ho scattato a tuttaapertura ma con un tempo veloce per non perdere il nero dello sfondo che ho lasciato volutamente preponderante. Ho aggiunto un po’ di contrasto in post per enfatizzare la differenza fra luce e buio e per meglio comprendere il concetto di intuizione.

Deep Purple @ Collisioni 2014

Deep Purple #01

Io credo che il riff di chitarra più conosciuto della musica rock (ma potrei dire universale) sia da attribuire ai Deep Purple. E precisamente a Ritchie Blackmore. Ovviamente sto parlando di Smoke on the water (1972). E proprio ieri sera la band inglese si è esibita a Barolo, nello scenario di Piazza Colbert, per la sesta edizione di Collisioni. Non potevo lasciarmi sfuggire l’occasione: purtroppo ottenere il pass ‘fotografo’ per un evento del genere (unica tappa in Italia) è stata un’impresa impossibile e quindi mi sono dovuto accontentare di fotografare dalla piazza. Ho trovato comunque una buona posizione e, complice la mia altezza, sono riuscito a scattare qualcosa di interessante. Nonostante l’età (il loro esordio è datato 1968) e l’addio di Ritchie Blackmore (sostituito alla chitarra da Steve Morse) e Jon Lord (quest’ultimo mancato nel 2012) i Deep Purple sono ancora un gruppo straordinario, la loro energia è catalizzante e il loro sound è di altissimo livello; d’altronde 46 anni di esperienza non si dimenticano in una notte. Ian Gillan ha perso un po’ la voce che ha caratterizzato gli esordi ma è ancora un incredibile animale da palcoscenico e nonostante l’età riesce sempre ad entusiasmare il suo pubblico. Collisioni 2014 è appena iniziato ma promette di essere ancora una volta un grande evento.

Deep Purple #02Deep Purple #03Deep Purple #04

Il sorriso di una mamma

Il sorriso di una mamma

Every storm bring a rainbow

Photograph Every storm bring a rainbow #01 by Samuele Silva on 500pxPhotograph Every storm bring a rainbow #02 by Samuele Silva on 500px

Disappointments, failures, pain, wounds still bleeding and certainly indelible. But the strength and heart of a woman won’t never wither; she will rise again forever. (Francesca Aragno)

Queen on chess field

Photograph Queen on chess field by Samuele Silva on 500px

Zibba & Almalibre

Zibba & Almalibre #01

Ieri sera ho dichiarato aperta la stagione dei concerti all’aperto. Zibba & Almalibre, ospiti del birrificio Baladin a Cuneo, non hanno tradito le mie aspettative: un bellissimo concerto, con un folto pubblico e vibrazioni molto forti. Conoscevo pochissime canzoni dell’artista Varazzese (fra le altre ‘Senza di te’ vincitrice del premio della critica all’ultimo festival di Sanremo) ma la sua voce ed il suo sound mi hanno impressionato positivamente: davvero molto bravo, un animale da palco che ha stregato ed affascinato il pubblico. Un paio di aspetti negativi, a dire il vero, sono riuscito a trovarli: la piattezza delle luci (ma ad un palco semplice ed improvvisato è difficile chiedere oltre) e le sigarette; Zibba avrà fumato un intero pacchetto durante il concerto e non ho trovato la cosa per niente apprezzabile. Le foto senza nicotina in mano sono rarissime. Il più fotogenico del gruppo è sicuramente il bassista, Stefano Cecchi, al quale ho dedicato almeno metà degli scatti. Barba, tatuaggi ed aria disincantata sono un must al quale, dal punto di vista fotografico, è impossibile resistere.

Zibba & Almalibre #02Zibba & Almalibre #03

Il coraggio delle donne

Photograph Roberta #02 by Samuele Silva on 500px

Sono coraggiose le donne, ci costa caro, ma bisogna ammetterlo.
La fragilità? Solo uno stato culturale, più che un dato biologico.
Sono forti e coraggiose, le donne.
Quando scelgono la solitudine, rinunciando a un falso amore, smascherandone la superficialità.
Sono coraggiose le donne, quando crescono i figli senza l’aiuto di nessuno,
rivalutando l’ancestrale primato, quello di essere mamme.
Hanno il coraggio di non chiedere a uomini che sono anche padri,
la loro presenza, puntualmente assente.
Uomini che rifuggono le proprie responsabilità,
trincerandosi in comodi ruoli o paraventi infantili di adulti mai cresciuti.
Sono forti e coraggiose, le donne, quando a discapito di tutto e di tutti
scelgono i propri compagni; costruendo solide storie
spendendo patrimoni sentimentali, contro la morale comune.
Sono forti e coraggiose, le donne, quando sopportano, violenze di ogni tipo,
per salvaguardare quello che resta di famiglie, che non son più tali
Sono la speranza del mondo, le donne, in qualsiasi circostanza continuano a far nascere uomini,
che poi le tradiranno.
(Bruno Esposito)

Roberta #01

Photograph Roberta #01 by Samuele Silva on 500px

Yellow and Green in Camerana

Photograph Yellow and Green in Camerana #01 by Samuele Silva on 500px

In questi giorni sono impegnato nel #WOWaltalanga (Wonderful Outdoor Week): “un vero festival dell’outdoor attraverso le colline dell’Alta Langa, respirando l’aria profumata del mare circondati dalla maestosità delle Alpi!“. Fra i tanti eventi in programma ho deciso di partecipare all’escursione di Nordic Walking a Camerana. Il Nordic Walking è una sorta di trekking con i bastoncini tipo sci di fondo; si differenzia dalla camminata normale perché permette di allenare anche la parte superiore del corpo. Sono stato decisamente fortunato perché il dopo diluvio ha permesso al cielo di ripulirsi ed i colori del pomeriggio sono diventati interessanti. Ho fotografato durante l’escursione e soprattutto dopo. La zona di Camerana (nelle Langhe, provincia di Cuneo) mi ha sorpreso positivamente: prati enormi, campi di grano e dolci pendii. Per scattare la foto di copertina mi sono intrufolato nel campo (facendo attenzione a non calpestare le spighe) in modo da avvicinarmi all’albero. Ho utilizzato il 16-35 con il polarizzatore e dopo una lunga attesa (il sole non si decideva ad uscire dalle nuvole) ho scattato a f/8. Ho aspettato alcuni minuti per ottenere la luce giusta ed essere immerso in quel campo enorme di grano mi ha dato una sensazione di pace e tranquillità che non provavo da tempo. E’ stato bellissimo.

Yellow and Green in Camerana #02Yellow and Green in Camerana #03