Sogni d’oro

POSTED ON 29 Gen 2023 IN Portrait      TAGS: silver, man, railway      

Sogni d'oro

Gregory Crewdson – Eveningside

POSTED ON 20 Gen 2023 IN Street      TAGS: silver, museum      

Gregory Crewdson - Eveningside /02Gregory Crewdson - Eveningside /03

Gregory Crewdson - Eveningside /01

Ritratto in treno

POSTED ON 19 Gen 2023 IN Portrait      TAGS: silver, man, railway      

Ritratto in treno

Autoritratto allo specchio con bambina

POSTED ON 19 Gen 2023 IN Portrait      TAGS: silver, children, selfie, mirror      

Autoritratto allo specchio con bambina

Voglia di giocare

POSTED ON 3 Gen 2023 IN Beach, Portrait      TAGS: children, silver, vintage, sea      

Voglia di giocare

Forse è l’inizio del nuovo anno che porta novità, ma in questo periodo mi torna sempre la voglia di giocare (il titolo ha un doppio significato) con le ottiche vintage. E durante una gita -veloce- sulla spiaggia di Pietra Ligure ho deciso di portare con il me il meraviglioso Takumar 135mm F/2,5 Super-Multi-Coated: ovviamente mi riferisco alla seconda versione, quella più ricercata (e costosa) per via delle sue elevatissime prestazioni ottiche. Molti fotografi esperti concordano infatti nel dire che questo modello (a 6 elementi) sia il miglior 135mm mai prodotto. In realtà, nonostante l’altissima qualità, credo che le ottiche moderne abbiano (sotto certi aspetti) una resa migliore; diciamo che se restringiamo il campo alle ottiche che possiamo definire vintage è chiaro che la definizione miglior 135 mai prodotto assume un significato più reale. E per provare un’ottica antica non potevo che scegliere un soggetto decisamente più giovane (differenza di età circa 40 anni): peccato che la modella, allegra e sbarazzina, fosse in vena di correre sulla spiaggia e fotografare con il 135mm a fuoco manuale una bambina che corre senza mai fermarsi non è proprio un gioco da ragazzi. :-)

112ª Fiera del Bue Grasso di Carrù

POSTED ON 17 Dic 2022 IN Reportage      TAGS: event, silver      

Fiera del Bue Grasso 2022 /01

Quest’anno mi sono messo in testa di realizzare un reportage totale della Fiera del Bue Grasso di Carrù, arrivata ormai alla 112ª edizione. E vero, c’era anche una Maratona Fotografica con un montepremi importante, ma ho preferito comunque concentrarmi sul discorso completo per poi eventualmente estrapolare le 4 foto (pochissime, ho scelto queste: 1234) che potessero raccontare almeno parzialmente la manifestazione.

Ho preso accordi con due allevatori della zona e sono andato ad assistere alla preparazione degli animali alle 5 del mattino: al buio e al freddo; ma è stata un’esperienza straordinaria e voglio ringraziare Valter Dogliani e Giovanni Rocca che mi hanno permesso di raccontare una piccolo pezzo della loro vita. È stato emozionante e sono momenti che porterò sempre nel cuore: non capita tutti i giorni.

Poi sono andato in paese, ho osservato una parte della colazione a base di trippe e bollito, salutato l’amico Beppe Cravero del ristorante Vascello D’oro (ho notato, con orgoglio, che conserva una mia foto dello scorso anno all’entrata del ristorante), bevuto un paio di bicchieri di Barbera a stomaco vuoto e quindi sono andato di corsa ad assistere all’arrivo, alla preparazione e alla pesa dei buoi sotto l’ala del mercato di Carrù. Terminate le operazioni di preparazione, e mentre la giuria decideva i vincitori, ho camminato lungo le vie del paese alla ricerca dei famosi suonatori: e qui c’è un mondo di persone allegre che intrattiene gli astanti con canzoni popolari tipiche della zona; non sono un esperto, ma la celebre madonnina dai riccioli d’oro l’ho ascoltata almeno un paio di volte (e da allora non riesco a smettere di cantarla)(d’altronde deve far vincere il Toro). Quindi dopo la colazione (alle 10) sotto il tendone a base di bollito e bagnèt verd con gli amici di Igers Piemonte, sono tornato in centro proprio mentre iniziava a nevicare in modo insistente: questo ha rovinato la premiazione (e il mio rientro a casa), ma un paio di immagini credo sia necessario pubblicarle per completare il reportage che si chiude, ovviamente, con l’addio degli animali e il rientro a casa dei suonatori.

Sono 58 foto, tantine, rigorosamente in silver come richiede il reportage e praticamente senza post-produzione: ho deciso di scattare in JPG eliminando i colori per entrare al massimo nel mood del progetto. Ho utilizzato, lungo tutto l’arco della giornata, esclusivamente due obbiettivi fissi: 35mm e 85mm quasi sempre con diaframmi inferiori a f/2. C’è anche il vezzo del fish-eye, ma una sola immagine: ci stava direbbero i giovani. Le foto sono in rigoroso ordine cronologico e raccontano una giornata vissuta ad alta velocità, nel freddo e nella neve, in compagnia del mio -autoprodotto- vin brulè. L’idea era quella di portarVi con me alla Fiera del Bue Grasso: spero di esserci riuscito.

Fiera del Bue Grasso 2022 /02Fiera del Bue Grasso 2022 /03Fiera del Bue Grasso 2022 /04

Fiera del Bue Grasso 2022 /05Fiera del Bue Grasso 2022 /06

Fiera del Bue Grasso 2022 /07

» CONTINUA A LEGGERE «

Mondovì Piazza in Picture Style

POSTED ON 14 Dic 2022 IN Landscape      TAGS: silver, tripod      

Piazza PS

Questa è una foto un po’ diversa dal solito. Non certo per il soggetto (ho già fotografato diverse volte da questa posizione e anche meglio) ma per la scelta tecnica: è la prima foto scattata direttamente in JPG da moltissimo tempo. Ho caricato in camera qualche picture style di Canon e ho deciso di provare l’effetto che hanno sull’immagine finale in JPG. Su Digital Photo Professional, il software di Canon, gli stili vengono applicati anche al RAW, ma possono essere eventualmente rimossi; con Lightroom invece è necessario scattare direttamente in formato JPG (io in realtà scelgo entrambi) per visualizzare l’immagine corretta con il Picture Style. Gli stili sono tantissimi, ne ho scaricati quasi 200: in questo caso ho utilizzato un B&W con filtro verde e contrasto al massimo per enfatizzare le sfumature del cielo.

Notturno in piazza San Donato

POSTED ON 8 Dic 2022 IN City & Architecture      TAGS: travel, night, silver, square      

Notturno in piazza San Donato

Saeta Negra

POSTED ON 8 Dic 2022 IN Street      TAGS: travel, silver, longexposure, square      

Saeta Negra

Dancing in the rainbow

POSTED ON 1 Dic 2022 IN Portrait      TAGS: model, silver, 50ne, wideaperture      

Dancing in the rainbow /02Dancing in the rainbow /03Dancing in the rainbow /04

Dancing in the rainbow /01

Enter the soul

POSTED ON 1 Dic 2022 IN Portrait      TAGS: model, silver, kingoftherings, wideaperture      

Enter the soul /01

Enter the soul /02Enter the soul /03

Think Hard

POSTED ON 30 Nov 2022 IN Portrait      TAGS: model, silver, flash      

Think hard

Good bear and bad girl

POSTED ON 30 Nov 2022 IN Portrait      TAGS: model, silver, kingoftherings, flash      

Good bear and bad girl /01

Good bear and bad girl /02

Do you believe in your head?

POSTED ON 18 Nov 2022 IN Portrait      TAGS: model, studio, silver, vintage      

Do you believe in your head?

I can go with the flow
But don’t say it doesn’t matter, matter anymore
I can go with the flow
Do you believe it in your head?
– Queens of the Stone Age

La coscienza di Zeno

POSTED ON 8 Nov 2022 IN Portrait      TAGS: project, silver, dirty      

La coscienza di Zeno /01La coscienza di Zeno /02

La coscienza di Zeno /03La coscienza di Zeno /04

È impossibile, leggendo un romanzo, non immaginare la –immaginarsi nella– scena che stiamo leggendo. L’immaginazione procede per immagini, e le immagini possono essere definite fotografie della mente. Ma può essere vero anche l’inverso: che quello che appare davanti agli occhi ci ricordi un passo di una lettura, una sensazione provata leggendo. Quest’anno i soci di Mondoviphoto hanno voluto tradurre in fotografie questo incrociarsi di letteratura e immagini. Un titolo, un passo, una frase di un romanzo che fanno nascere la voglia di riprodurli in fotografia. Oppure fotografie che richiamano alla mente una lettura. Uno storytelling incrociato, di parole e foto. Ex libris (da ex libris meis) può sembrare un titolo un po’ “tirato”, essendo di solito usato per indicare la proprietà di un libro. In realtà i libri letti diventano davvero “meis”, esattamente come le fotografie scattate.

Per partecipare a Ex Libris, la mostra collettiva dei soci di MondovìPhoto, ho subito pensato a La Coscienza di Zeno, un classico della letteratura italiana del novecento, e mi sono immaginato a fotografare Zeno Cosini nel suo tentativo di combattere, senza troppa convinzione, il vizio del fumo. Ne sono uscite 4 foto che nel mio immaginario dovrebbero essere un ulteriore passo verso un certo tipo di lotta. Zeno è un personaggio negativo, uno sconfitto, e associarlo al vizio del fumo, un vizio che non si riesce a vincere, mi è subito sembrata un’idea interessante: spero di essere riuscito a cogliere nel segno.

Penso che la sigaretta abbia un gusto più intenso quand’è l’ultima. Anche le altre hanno un loro gusto speciale, ma meno intenso. L’ultima acquista il suo sapore dal sentimento della vittoria su sè stesso e la speranza di un prossimo futuro di forza e di salute.
– Italo Svevo, La Coscienza di Zeno

Jessica

POSTED ON 13 Ott 2022 IN Portrait      TAGS: model, studio, silver, kingoftherings      

Jessica /01

          Older »