La casa dei francobolli

POSTED ON 2 Dic 2022 IN Reportage

La casa dei francobolli /02

La casa dei francobolli (oppure del filatelista) è una di quelle tragedie (perdonatemi il termine esagerato) che si consumano nel mondo urbex. Mi avevano avvisato e sapevo che avrei trovato una situazione completamente diversa dalle foto di chi mi aveva preceduto. Ma nonostante tutto sono rimasto esterrefatto e senza parole: la stragrande maggioranza dei mobili era stata spostata, i quadri in posizione completamente diversa, libri buttati alla rinfusa e, soprattutto, erano sparite le famose vaschette di plastica con i francobolli e quelli ritenuti di poco valore erano sparsi ovunque come fossero coriandoli, alcuni portati dal vento addirittura nel giardino e sul sentiero che conduce alla casa. La parte centrale della villa è crollata e per salire al piano superiore mi sono dovuto letteralmente arrampicare sulle macerie; questa difficoltà però ha fatto si che la stanza da letto fosse praticamente perfetta e bellissima: quasi romantica, con i quadri in bianco e nero dei bambini, nella sua delicatezza. Sono andato via con un senso di malcelata tristezza: distruggere in questo modo non ha davvero nessun senso.

La casa dei francobolli /01La casa dei francobolli /03La casa dei francobolli /04

La casa dei francobolli /17La casa dei francobolli /18La casa dei francobolli /19La casa dei francobolli /20

» CONTINUA A LEGGERE «

Cascina Alpine

POSTED ON 29 Nov 2022 IN Reportage

Cascina Alpine /03

Se devo trovare un aggettivo per definire questa esplorazione scelgo triste: perché l’aria che ho respirato fra queste mura è stata strana, malinconica, deviante. Non ho visto un motivo, un filo conduttore: tutto mi è sembrato essere in disordine, alla rinfusa, senza una logica. Una logica, magari non apparente, deve sempre esserci, è fuori discussione, ma in questo caso ho trovato un senso poco coerente e mesto, confuso come la nebbia che in queste zone conoscono molto bene. Alpine è un nome di fantasia e trova la sua spiegazione nella bellissima e fiammante Renault Alpine rossa nascosta in garage. Diciamo quel poco che ne rimane, ma anche questa senza una logica apparente rispetto al resto.

La Alpine GTA è un’autovettura sportiva gran turismo prodotta dal 1984 al 1991 dalla casa automobilistica francese Alpine. La GTA (acronimo di Grand Tourisme Alpine), altrimenti chiamata Renault Alpine GTA, fu introdotta all’inizio del 1985 per sostituire la A310. La presentazione avvenne nel marzo al Salone dell’automobile di Ginevra del 1985. La carrozzeria, in plastica e poliestere, riprendeva grosso modo le forme della A310, ma ristilizzata in chiave più moderna, grazie alla matita di Heuliez, l’autore del restyling: nuovi erano per esempio i paraurti integrati nella scocca.

Ho scattato quello che mi sembrava interessante, molto poco, e ho lasciato da parte il resto. Non sono riuscito a trovare nulla che potesse fornirmi una svolta positiva, qualcosa che mi dicesse vale la pena. Sono uscito in fretta e furia con un velo di paura e tristezza nelle ossa: come se la mancanza di una regola certificasse un fastidio immenso.

Cascina Alpine /22Cascina Alpine /23Cascina Alpine /24

Cascina Alpine /11Cascina Alpine /12

Cascina Alpine /14Cascina Alpine /15Cascina Alpine /16

» CONTINUA A LEGGERE «

La Chiesa delle Tre Croci

POSTED ON 20 Nov 2022 IN Reportage

La Chiesa delle Tre Croci /03

Sulla strada provinciale che collega Pinerolo a Carmagnola, fra Vigone e Pancalieri, non è difficile notare una strana gabbia ricoperta di piante. È una sorta di sarcofago, una rete metallica costruita attorno a quella che viene definita la Chiesa delle Tre Croci. La Chiesa è in avanzato stato di decomposizione, il tetto è parzialmente crollato, la natura ha preso il sopravvento e la struttura è destinata a crollare in tempi molto rapidi. L’entrata è complicata: si passa attraverso un piccolo buco nella rete che la circonda, quindi è necessario superare una specie di foresta amazzonica, e infine, quando si riesce finalmente ad entrare, si cammina su un tappeto di guano e carcasse di piccioni. Un’esperienza non proprio gradevole. I resti dell’altare sono ancora interessanti, ma anche di quello è rimasto pochissimo, giusto l’idea. Qualche foto veloce e poi fuori, che arriva il tramonto.

La Chiesa delle Tre Croci /01La Chiesa delle Tre Croci /04

La Chiesa delle Tre Croci /02La Chiesa delle Tre Croci /05La Chiesa delle Tre Croci /07

La Chiesa delle Tre Croci /06La Chiesa delle Tre Croci /08

La Chiesa delle Tre Croci /09La Chiesa delle Tre Croci /10La Chiesa delle Tre Croci /11

La Chiesa delle Tre Croci /12La Chiesa delle Tre Croci /13

La Chiesa delle Tre Croci /14

San Fiorenzo -Storie di Santi e Dannati-

POSTED ON 17 Nov 2022 IN Reportage

San Fiorenzo /36

A prima vista la Chiesa di San Fiorenzo non sembra particolarmente interessante: dall’esterno è quasi banale nella sua semplicità; costruita a pianta rettangolare, ha un’entrata sacrificata, intima, chiusa, quasi nascosta alla vista. La facciata frontale esterna è molto semplice, decorata con un rosone e una lunetta centrale affrescata che rappresenta la madonna con il bambino, San Fiorenzo e San Giovanni Battista. Ma quando si entra inizia la magia e si viene subito sorpresi dai colori e dalla quantità di affreschi dipinti sui muri: ogni singolo centimetro delle pareti laterali e del presbiterio ne è ricoperto con scene della storia di Gesù e dei Santi risalenti al XIV secolo.

Ubicata accanto al cimitero di Bastia, poco lontano da Mondovì, nelle basse langhe del cuneese, un tempo era una semplice cappella e segnava uno dei crocevia delle strade romane: la via romana detta Sonia, tra Vado e Bene Vagienna, e la via dell’alta langa verso Alba Pompeia, l’odierna Alba. Era consuetudine, infatti, collocare chiesette, edicole e cappelle nelle biforcazioni, negli incroci e nei lunghi tratti, per aiutare il viandante nella scelta del percorso corretto e per dargli ristoro. La scelta di edificare San Fiorenzo in questo luogo, però, è legata anche al culto popolare. Nei secoli è stata tramandata la credenza che la chiesa fosse stata costruita sul tumulo che conteneva le spoglie di Fiorenzo. Questi era un ufficiale della Legione Tebea, vittima della persecuzione perpetrata da Diocleziano. Risalente agli inizi dell’anno 1000, nei secoli la chiesa ha subito diversi rimaneggiamenti, tra cui un ampliamento per accogliere sempre più numerosi fedeli, la costruzione di un portico successivamente rimosso, il campanile e soprattutto i magnifici affreschi.

Non ho nessuna intenzione di descrivere nel dettaglio gli affreschi, anche perché potete trovarli sui libri dedicati a San Fiorenzo oppure sul bellissimo articolo scritto da Barbara Tonin e Lorena Durante su Giroinfoto dal quale ho rubato alcuni versi e, soprattutto, il bellissimo titolo (e ci sono anche le mie fotografie); basti sapere che San Fiorenzo custodisce al suo interno uno dei più importanti cicli pittorici tardo-gotici del Piemonte, datati 1472. Mi sembra doveroso però ricordare che nel 1999 si sono conclusi gli ultimi restauri ed è nata l’associazione San Fiorenzo che si occupa, attraverso alcuni volontari e senza fine di lucro, delle aperture e delle visite guidate.

Fra le iniziative vorrei citare “Le Cappelle del Tanaro sulle vie dei Pellegrini e del Sale” che si propone di valorizzare le nove chiese disseminate fra le colline e le borgate del Tanaro: non ricordo il risultato personale, ma nel 2018 partecipai ad un concorso fotografico dedicato a questa iniziativa anche con alcune immagini proprio di San Fiorenzo.

Le foto della Chiesa di San Fiorenzo sono scattate in momenti e giornate diverse, un progetto che durava da oltre un anno, ma osservandole mi sono reso conto di non essere riuscito a dare un’idea, nemmeno lontana, del senso di meraviglia che si prova varcando la soglia d’ingresso: se passate da queste parti tra Aprile e fine Ottobre non perdetevi la visita guidata gratuita, ne vale veramente la pena.

San Fiorenzo /01San Fiorenzo /02San Fiorenzo /26

San Fiorenzo /31San Fiorenzo /37

San Fiorenzo /30San Fiorenzo /35San Fiorenzo /38

» CONTINUA A LEGGERE «

Villa Extravaganza

POSTED ON 15 Nov 2022 IN Reportage

Villa Extravaganza /29

E’ una semplice affermazione, un classico che mi perseguita: “Qui ci sono solo due foto da fare, facciamo presto”. Un mantra ossessivo che quasi mai corrisponde al vero. Perché solitamente si finisce con il trovare posti incredibili e le foto diventano decine. Nel caso di Villa Extravaganza abbiamo davvero superato il limite della decenza, perché secondo le mappe non era nemmeno da prendere in considerazione: e invece sono clamorosamente spuntati 3 piani di delicata bellezza, di colori, di stravaganze assortite, di stupore e di lusso. Si, perché fra queste pareti non mancava davvero nulla: ho finito per perdere il conto dei servizi igienici a disposizione di ospiti e titolari, quasi uno per ogni stanza da letto. Tappezzeria eccentrica nelle camere, una cucina che definire pittoresca è forse riduttivo e bagni con rivestimenti al limite dell’effetto ottico. E poi un biliardo, fortunatamente dal tappeto verde, con 6 buche e decine di palline da golf: che io sinceramente non avevo mai visto utilizzare in tal senso e del quale non capisco la peculiarità. E poi quelle porte colorate, impilate nell’angolo senza apparente motivo. Zoccoli olandesi in Vibram, un orso, Kermit la rana, una madonnina delicata, bottiglie di alcolici in tutti gli anfratti, un sirio. Definire tutto questo stravagante è troppo poco: parliamo di EXTRAvagante e forse anche qualcosa di più.

Villa Extravaganza /27Villa Extravaganza /28

Villa Extravaganza /30Villa Extravaganza /32Villa Extravaganza /45

Villa Extravaganza /21Villa Extravaganza /22

» CONTINUA A LEGGERE «

L’atelier della Volpe

POSTED ON 15 Nov 2022 IN Reportage

L'atelier della Volpe /11

L’immaginazione quasi sempre supera la realtà e la realtà diventa fantasia perché ci sono idee che non riusciamo a percepire come possibili e rimaniamo incantati dal genio, dalla confusione, dall’eccentrico. Non esiste una spiegazione per certi fenomeni che colpiscono la nostra mente e quando sono passato dalla finestra per entrare in quello che, con davvero poca immaginazione, posso definire l’atelier della Volpe, ho intuito subito di essere in un luogo fuori dal tempo e dal mondo. Perché qui finisce la razionalità e si percepisce un mondo parallelo, un bellissimo universo di colori, immagini, idee, arte, pittura, storia e voli pindarici che non hanno ragione di esistere. Non è quantificabile, non si può catalogare un’esperienza di questo tipo perché è fuori dai ranghi dell’essere comune; e non posso fare che altro che strabuzzare gli occhi, fotografare, ricordare, fare un inchino e ringraziare l’uomo, il pittore e l’artista che hanno creato questo mondo straordinario e immaginifico. È un sogno che non diventerà mai realtà.

L'atelier della Volpe /07L'atelier della Volpe /03

L'atelier della Volpe /13L'atelier della Volpe /12L'atelier della Volpe /09

L'atelier della Volpe /01L'atelier della Volpe /06

» CONTINUA A LEGGERE «

La casa del matematico

POSTED ON 11 Nov 2022 IN Reportage

La casa del matematico /04

Questa meravigliosa villa abbandonata si trova tra le colline della Toscana; descrive una vita di passione e amore, sembra che i muri possano parlare e raccontare la loro storia. Purtroppo è abbandonata da troppo tempo (inizio 2000) e gravi problemi strutturali stanno minando la sua sopravvivenza: addentrarsi fra le pareti e le scale di questa casa è davvero pericoloso. Fu di un famoso matematico, uno dei maggiori analisti italiani del XX secolo. Le stanze sono stracolme di scritti del professore e di quadri della figlia che a detta di alcune fonti viveva a Parigi. Altre persone raccontano invece che la figlia/pittrice non avesse mai veramente vissuto in Francia: diplomata all’accademia di Belle Arti, trascorse quasi tutta la sua esistenza in questa casa anche dopo la morte dei genitori, uscendo solo una volta alla settimana per andare a prendere la corriera che la portava al cimitero. In paese la donna era conosciuta per gli strani turbanti che indossava. Sono storie romantiche, ma che lasciano un velo di compassione: mi sarebbe piaciuto aver conosciuto il professore e la figlia artista e adesso vorrei potergli dire che i loro ricordi rimarranno impressi per sempre nelle mie foto. Sarebbe un onore.

Sono arrivato nella casa del matematico all’alba, fine Agosto, era ancora buio. Ho attraversato la fitta vegetazione non senza fatica e mi sono ritrovato dentro che iniziava ad albeggiare. Non avevo a disposizione molto tempo e ho fotografato con tempi lunghissimi e iso troppo alti rispetto alle mie abitudini. Rispetto alle foto che avevo visto in precedenza la situazione è totalmente cambiata, se non fosse per i dettagli avrei fatto fatica a riconoscere le stanze.

La casa del matematico /06La casa del matematico /10

La casa del matematico /05La casa del matematico /22La casa del matematico /23

La casa del matematico /20La casa del matematico /24

La casa del matematico /13

» CONTINUA A LEGGERE «

Santi in paradiso

POSTED ON 6 Nov 2022 IN Reportage

Santi in paradiso /15

Forse troppi santi in paradiso. Ma è un altro argomento, molto di moda, che non mi interessa discernere. Ci sono altre storie e devo prendere atto che in questo periodo l’urbex mi trascina in amare riflessioni sul futuro e sul lascito dopo vita. In uscita silenziosa da questa casa, da troppo tempo in balia degli eventi, abbiamo incontrato una signora: le abbiamo chiesto informazioni e la risposta è stata quasi banale nella sua semplicità. E passano i giorni, forse gli anni e luoghi meravigliosi e colmi di fascino diventano quasi un pericolo per la collettività implodendo su se stessi. Confuso e troppo di corsa mi sono perso in queste stanze che racchiudono una storia di vita, ricordi legati al passato, gli anni che scorrono inesorabili, l’arrivo di una vecchiaia e un futuro certamente non da scrivere per l’impossibilità di farlo.

Chi vuol esser lieto, sia: di doman non c’è certezza.
– Lorenzo De’ Medici

Mi ritorna sempre nella mente questa bellissima frase e mi costringe a riflettere sul futuro e forse, più probabilmente, sul presente. Perché purtroppo in realtà del domani una certezza l’abbiamo, l’unica certezza che possiamo avere: questo domani non ci sarà. L’ottimismo è il sale della vita. Rimane solo da capire quanto possa durare l’oggi, ma sarà più breve di quanto si riesca ad immaginare. Adesso fate gli scongiuri più potenti che conoscete, ma puntate sulla felicità e ricordatevi di essere lieti perché domani è certo che non lo sarete: i santi non vanno in paradiso.

Santi in paradiso /20Santi in paradiso /24

Santi in paradiso /08Santi in paradiso /09Santi in paradiso /10

Santi in paradiso /01Santi in paradiso /02

» CONTINUA A LEGGERE «

L’alcova degli amanti

POSTED ON 2 Nov 2022 IN Reportage

L'alcova degli amanti /01

Quella che viene definita Alcova degli Amanti, piccolo luogo sperduto, nascosto e abbandonato nell’appenino toscano, probabilmente rimarrà la più grande delusione urbex degli ultimi anni. Arrivarci è stato complicato, entrarci quasi impossibile, ma quando ci siamo accorti che le difficoltà non erano casuali abbiamo fermato le macchine fotografiche e siamo usciti lasciando il resto del racconto alle foto in esterno. Abbiamo subito capito che qualcuno aveva da poco bloccato quasi tutti gli accessi, il piano superiore era sbarrato e dentro una serie di sacchi neri erano stato raccolti tutti gli oggetti, le cose, i ricordi. Una sorta di abbandono e chiusura molto ben ragionati. Credo che questa specie di Bed & Breakfast (non sono sicuro della tipologia, ma non saprei come definirlo) sia stato chiamato Alcova degli Amanti perché non si trattava di un vero e proprio approdo turistico, ma forse più un luogo dove nascondersi: inoltre la disposizione delle stanze e gli arredi lasciano presagire un qualcosa di relativo al sesso e agli incontri di amorosi sensi. Abbiamo scattato poche foto in interno (le prime stanze dopo l’ingresso), qualche panoramica in esterno e abbiamo deciso, nostro malgrado, di lasciare per viaggiare verso altri lidi. Addio amanti, non è stato un grande piacere.

L'alcova degli amanti /02L'alcova degli amanti /03

L'alcova degli amanti /04

» CONTINUA A LEGGERE «

Casa Serena

POSTED ON 1 Nov 2022 IN Reportage

Casa Serena /02Casa Serena /03

Casa Serena /01

Serendipity è un termine inglese coniato da Horace Walpole nel XVIII secolo e indica l’occasione di fare scoperte per puro caso e, anche, il trovare una cosa non cercata e imprevista mentre se ne stava cercando un’altra (definizione presa da wikipedia). E Casa Serena rientra proprio nel novero delle scoperte assolutamente casuali: eravamo alla ricerca di altro, di qualcosa di molto più aristocratico. Ma in cima a una collina sperduta, nel nulla, abbiamo trovato questa modesta dimora in cerca di autore. E nonostante le qualità estetiche tipiche dell’architettura povera di campagna sono riuscito a cogliere diversi spunti interessanti: devo ammettere che sono molto soddisfatto delle foto, perché da queste immagini spunta e si fa ammirare il carattere sobrio, ma allo stesso tempo dignitoso e onesto, di coloro che hanno abitato fra queste pareti. Il nome è chiaramente inventato e deriva dalla fusione di due elementi: serendipity, come spiegato all’inizio, e da un almanacco del 1995 dedicato alla vita domestica e che si chiamava Casa Serena (trovato in un cassetto della cucina). Sin troppo facile, naturale, fisiologico.

Casa Serena /10Casa Serena /11

» CONTINUA A LEGGERE «

Lingotto Padiglione 2

POSTED ON 27 Ott 2022 IN City & Architecture, Landmark, Reportage

Lingotto Padiglione 2 /09

Ho visitato il padiglione 2 del Lingotto la scorsa estate con il gruppo di Giroinfoto. È stata un’esperienza decisamente complicata, perché catturare idee e spunti fotografici in una struttura industriale (e vuota) come il Padiglione 2 non è affatto semplice. Io ho trovato terribilmente affascinanti le rampe che portano alla pista sopraelevata, architettonicamente perfette e quasi esoteriche: inebriante cemento allo stato puro. Purtroppo non siamo riusciti a salire sul tetto (nonostante le insistenze) perché quel giorno la pista era chiusa per lavori e, ovviamente, abbiamo mancato anche la bolla di Renzo Piano. Peccato, mi sono dovuto accontentare di un volo, con ogni probabilità illegale, con il Drone.

Per Torino e i torinesi, il Lingotto rappresenta tanto. Per i più giovani, il Lingotto è un centro commerciale e fieristico dove svagarsi mentre per i più anziani è un pezzo di storia dell’industria italiana. Si, perché il Lingotto è questo: la più grande fabbrica di automobili italiana riconvertita in un centro multifunzionale; il Lingotto è una bella storia di rinascita all’italiana resa possibile da investitori scaltri e dai migliori architetti del Bel Paese. Ma forse non tutti sanno che, prima di tutto, il Lingotto, è un quartiere a Sud della città di Torino.

Lingotto Padiglione 2 /07Lingotto Padiglione 2 /11Lingotto Padiglione 2 /08

Lingotto Padiglione 2 /01Lingotto Padiglione 2 /02

Lingotto Padiglione 2 /05

Lingotto Padiglione 2 /03Lingotto Padiglione 2 /04Lingotto Padiglione 2 /06

Lingotto Padiglione 2 /10

Il palazzo dell’Alchimista

POSTED ON 26 Ott 2022 IN Reportage

Il palazzo dell'Alchimista /05

Il palazzo dell’Alchimista è un reportage che mi lascia un velo di insoddisfazione; perché la fretta è nemica della buona fotografia e in certi momenti servirebbe poter riflettere e aspettare la scelta migliore. E invece in questo meraviglioso palazzo mi sono visto costretto ad agire sotto pressione e con l’ansia come amica di avventura: certo, la possibilità che ci fosse un enorme molosso ad aspettarci sotto la finestra era nell’aria e ampiamente prevedibile. In realtà poi gli eventi nefasti non si sono realizzati e a mente fredda (e lucida) avrei potuto dedicare un tempo maggiore all’esplorazione e alla fotografia. Nonostante tutto e tutti qualcosa di interessante sono stato in grado di fotografare e l’immagine al quale tenevo di più, il celebre soffitto a ottagoni della stanza da letto, alla fine sono riuscito a portarla a casa (con il fiato sul collo).

In questa villa l’alchimista Cesare Mattei curava i pazienti con l’elettromeopatia. Andando oltre le teorie di Hahnemann (fondatore dell’omeopatia) elaborò una nuova teoria medica che chiamò Elettromiopatia (o Elettromeopatia) e nel 1859, benché avversato dalla classe medica, iniziò la produzione dei rimedi elettromeopatici esportandoli anche all’estero. Nacque un deposito centrale a Bologna e altri 26 depositi autorizzati in tutto il mondo che crebbero fino a 107 nel 1884, tra i più importanti il Consorzio di Ratisbona (Regensburg), la Mattei Home (Londra) e quelli in Belgio, Stati Uniti d’America, Haiti e Cina. Negli anni 1887/1888, errate speculazioni finanziarie del nipote Luigi Mattei, predestinato erede e co-intestatario di quasi tutte le proprietà, causarono una gravissima crisi economica alla famiglia. Non riuscendo a far fronte ai debiti e agli altissimi tassi degli usurai, molti beni vennero messi all’asta. La rovina minacciò di sommergere tutto il patrimonio, compresa la Rocchetta. Cesare decise di diseredare il nipote e riuscì a sanare in parte la situazione, coadiuvato dal suo collaboratore Mario Venturoli (1858-1937), che adottò nel 1888 in segno di riconoscenza. Nel 1895, ormai anziano e reso paranoico dalle continue dispute con i medici allopatici, a causa di una incomprensione con la nuora (sospettata di aver tentato di ucciderlo servendogli un caffè avvelenato), cacciò lei e Mario dal castello e in seguito li diseredò.

All’uscita, nonostante le paure, del temibile e feroce guardiano a quattro zampe nemmeno l’odore. E nello zaino avevo un osso gigante per soddisfare le sue grinfie. Ma d’altronde l’urbex è un’attività che sarebbe opportuno svolgere all’alba, anche a Marzo: la prima foto è stata scattata alla 7.35 mentre l’ultima alle 7.56, 21 minuti praticamente al buio e sempre di corsa. L’ansia dell’esplorazione urbana.

L’antico palazzo è oggi è diviso in due parti: una di proprietà comunale, l’altra invece appartiene ad un privato. Attualmente, la parte più fatiscente del palazzo è molto trascurata perché da molto tempo non si fanno lavori di restauro. Alcune stanze sono pericolanti e parzialmente crollate, ma la cucina, il salone-camera da letto e il bagno sono ancora intatti, e mantengono, oltre ai pregevoli portali e gli stucchi sui soffitti, ancora l’antica mobilia, numerose foto, alcuni giochi d’epoca e antichi oggetti di uso quotidiano.

Il palazzo dell'Alchimista /07Il palazzo dell'Alchimista /08

Il palazzo dell'Alchimista /06Il palazzo dell'Alchimista /10Il palazzo dell'Alchimista /19

Il palazzo dell'Alchimista /11Il palazzo dell'Alchimista /12Il palazzo dell'Alchimista /13Il palazzo dell'Alchimista /14

Il palazzo dell'Alchimista /20

Per questo esiste l’Alchimia. Affinché ogni uomo cerchi il proprio tesoro e lo scopra e poi desideri essere migliore di quanto non fosse nella vita precedente. Il piombo svolgerà il proprio ruolo fino a quando il mondo non ne avrà più bisogno. Ma poi dovrà trasformarsi in oro. È quanto fanno gli Alchimisti: dimostrano che, ogniqualvolta cerchiamo di essere migliori di quello che siamo, anche tutto quanto ci circonda diventa migliore.
– Paulo Coelho, L’alchimista

Il palazzo dell'Alchimista /09Il palazzo dell'Alchimista /16

Il palazzo dell'Alchimista /02Il palazzo dell'Alchimista /03Il palazzo dell'Alchimista /04

Il palazzo dell'Alchimista /01Il palazzo dell'Alchimista /21

Il palazzo dell'Alchimista /15Il palazzo dell'Alchimista /18Il palazzo dell'Alchimista /17

Discoteca Excalibur

POSTED ON 22 Ott 2022 IN Reportage

Excalibur /05

Quando sento nominare la mitica spada di Re Artù non posso fare a meno di pensare al leggendario SuperFantozzi, forse il più iconico dei film di Paolo Villaggio: Excalibur IMBECILLE! Ma torniamo sulla terra e lasciamo in pace il mito: l’Excalibur è il nome di una discoteca Toscana diventata luogo di migrazione giovanile di massa a metà degli anni 90. Fu costruita come un castello medioevale, tra le polemiche per il disboscamento selvaggio, su una superficie complessiva di 36mila metri quadrati e credo che all’epoca dovesse essere un sogno per qualsiasi giovane della zona (e non solo). Per due anni, venne inaugurata il 29 dicembre 1993, fece ballare e divertire il popolo della notte con ospiti di prestigio come Alba Parietti e Alain Delon. Purtroppo l’epopea dell’Excalibur durò il battito d’ali di una farfalla e dopo un paio d’anni arrivò il fallimento e la successiva chiusura. Il nome ritornò in auge nel 1999 quando venne acquistata da un gruppo di svizzeri facoltosi per 884 milioni di vecchie di lire.

Ma solo nel 2004, sotto la proprietà del santacrocese Mario Marianelli (suo, allora, anche il Concorde e il Don Carlos), si riparte. Tra sbandieratori e coreografie medievali, l’Excalibur torna ad accogliere dj, musicisti, letterina e più o meno vip. Anche questa seconda esperienza dura l’arco di un paio di anni, fino all’estate del 2005.

Poi un altro fallimento, le torce e fiaccole, simbolo della discoteca, si spengono nuovamente lasciando spazio all’abbandono e al degrado. Di quel sogno non rimane quasi più nulla: i simboli ci sono ancora, le sale da ballo si intravedono, ma la natura inizia a prendere il sopravvento. Oggi l’Excalibur è una delle fotografie più iconiche del mondo urbex italiano, un cartolina: una serie di poltrone sotto l’impronta di un lucernario. E per qualche secondo, di fronte alla lente di una fotocamera, ritorna il mito che non c’è più.

Excalibur /06Excalibur /07

Excalibur /08Excalibur /10Excalibur /09

» CONTINUA A LEGGERE «

Cappella di Santa Croce (Chiese Aperte)

POSTED ON 13 Ott 2022 IN Reportage

Cappella di Santa Croce /01

La Cappella di Santa Croce si trova a Mondovì Piazza ed è una perla straordinaria nascosta al grande pubblico da palazzi moderni e da una viabilità troppo decisa. Questo piccolo gioiello, composto da un’aula unica di modeste dimensioni che contiene affreschi datati 1450-1470 attribuibili ad Antonio Dragone da Monteregale, esisteva già nel 1297 e apparteneva al Convento dei domenicani. Nel 1745 venne chiamata erroneamente Cappella di San Magno in seguito ad un’epidemia di peste bovina; venne ampliata nel XVII secolo con il portico antistante l’ingresso e un campanile a pianta quadrata. Il ciclo pittorico ricopre, per 55 metri quadrati, le pareti e la volta della cappella e si presenta come un’elevata iconografia particolarmente originale e rara per i temi trattati e la ricchezza di figure simboliche che rappresentano un unicum nell’ambito del gotico piemontese. Nell’opera si notano influenze dello Jacquerio e si riconoscono elementi di continuità con gli affreschi della chiesa di N.S. della Monta di Molini di Triora (Imperia).

Chiese a porte aperte è un progetto sperimentale per aprire e visitare autonomamente i beni culturali ecclesiastici del Piemonte e della Valle d’Aosta con l’ausilio delle nuove tecnologie. Una volta effettuato l’accesso si viene guidati alla scoperta del bene al suo interno attraverso un’installazione multimediale costituita da una narrazione storico – artistico – devozionale accompagnata da un sistema di luci mobili e di micro proiettori.

Ho scattato le foto d’insieme con il 14mm Sigma Art mentre ascoltavo la voce narrante raccontare la storia della Cappella e spiegare nel dettaglio gli affreschi. I particolari invece sono opera del 50mm Canon RF. Sono rimasto davvero molto sorpreso dalla qualità dell’applicazione (scoperta quasi per caso) che permette l’entrata in autonomia semplicemente prenotando l’orario di visita: le luci all’interno si accendono in sincronia con la spiegazione illuminando i dettagli descritti. Semplicemente bellissimo.

Cappella di Santa Croce /03Cappella di Santa Croce /02Cappella di Santa Croce /04

Cappella di Santa Croce /08Cappella di Santa Croce /09

Cappella di Santa Croce /05

Cappella di Santa Croce /06Cappella di Santa Croce /07

Sala da Bagno

POSTED ON 12 Ott 2022 IN Reportage

Sala da Bagno

È festa, Oktoberfest/Idroterm 2022

POSTED ON 11 Ott 2022 IN Reportage

Oktoberfest /02Oktoberfest /05

A Cuneo l’Oktoberfest è diventata quasi un rito, la capitale della Granda diventa, a cavallo fra settembre e ottobre in concomitanza con la celebre festa di Germania, la città più tedesca d’Italia. E per due settimane il tendone della Paulaner viene preso d’assalto (non voglio dire inesattezze ma mi credo contenga circa 1000 persone) da bevitori provenienti da tutta Italia. Anche quest’anno (dopo due anni di pausa) ho fotografo l’evento Oktoberfest/Idroterm con quasi 300 invitati alla festa più esclusiva dell’intera manifestazione: un tourbillon di foto, birra e brindisi che quest’anno, sul palco centrale, ha festeggiato i 50 anni di attività dell’azienda. E io mi sono divertito a fotografare gli ospiti (quasi esclusivamente idraulici) nelle espressioni più divertenti e insolite. Ho scelto un breve resoconto per non tediare, diciamo le foto più interessanti che mi sono capitate alla prima veloce occhiata, evitando di pubblicare le celebri kellerine (che in realtà non ho nemmeno preso in considerazione visto il focus dell’evento). Per gli amanti delle statistiche ho bevuto solo 2 litri di birra (il boccale che vedete nelle foto è da litro): diciamo per confondermi. Prosit e ci vediamo al prossimo anno.

Oktoberfest /01Oktoberfest /10Oktoberfest /04

Oktoberfest /03Oktoberfest /08

Oktoberfest /06Oktoberfest /07Oktoberfest /09

          Older »