contatore gratis

Sunflakes

POSTED ON 10 Nov 2023 IN Landscape     TAGS: sea, backlight

Sunflakes

Mareggiata a Imperia

POSTED ON 9 Nov 2023 IN Landmark, Landscape     TAGS: sea, 50ne

Mareggiata a Imperia

L’ultimo fine settimana, ad Imperia, c’è stata un’importante mareggiata, una di quelle che capitano ogni 10 anni. Praticamente è scomparsa la spiaggia e gli stabilimenti balneari sono stati costretti a mettere in sicurezza le ultime attrezzature rimaste dall’estate. Mi trovavo in città e quindi ho deciso di fare due passi sul lungomare di Oneglia che dalla spianata arriva all’incompiuta. Il rumore del mare era fortissimo e le onde, decisamente alte, superavano le barriere arrivando, in alcuni casi, sulla strada. Purtroppo non sono riuscito a trovare una serie di immagini che potesse soddisfarmi e riuscisse a celebrare l’evento, anche perché nel pomeriggio di domenica il grosso della mareggiata era ormai un ricordo della notte. C’è solo questa foto che vorrei salvare, perché permette di comprendere la forza d’urto delle onde contro il celebre scoglio della Galeazza.

Malinconia

POSTED ON 16 Mag 2023 IN Portrait     TAGS: man, silver, lordoftherings

Malinconia

Ricordare indietro

POSTED ON 15 Mag 2023 IN Landscape     TAGS: sunset, sea

Ricordare indietro

Sono giorni di tristezza, di lacrime, di malinconia, di rimpianti, di risate fuori tempo, di ringraziamenti. Anche di ricordi. Sono tornato indietro nel mio archivio e ho compiuto un salto a ritroso nel passato fra immagini, momenti, storie e amici. Il tempo scorre inesorabile: bambini che sono diventati adulti, adulti che sono diventati anziani e qualche ricordo dolce che porta altre lacrime oppure un sorriso amaro. Oggi, più che mai, ho la sensazione che il mondo mi scorra fra le mani in modo troppo veloce e ingiusto.

Ho scattato questa foto nel 2005, settembre inoltrato e l’estate che volge al termine, la partenza di una gara di pesca al bolentino: una delle grandi passioni di mio padre. Mi ricordo le uscite con il gozzo per andare in mare aperto, magari al mattino presto, oppure di notte, e non soffrivo il mal di mare all’epoca: mi piace dire questione di abitudine. Facendo due rapidi calcoli lui era più giovane di me adesso e mi sembrava un gigante, mentre io oggi, al confronto, mi sento un inutile lillipuziano. Domani si chiude un cerchio e si apre un portone, oppure una voragine: il futuro è da decifrare. Sicuramente nel cuore c’è una ferita grande che farà tanta fatica a rimarginarsi. E quel tempo che scorre inesorabile ci costringe a guardare avanti, ma non ci vieta di ricordare indietro. Che bello quel video in cui, con la tua voce, mi vietavi di registrare e sorridevi: ma per fortuna, quella volta, non ti ho dato ascolto.

Piazza Dante di Notte

POSTED ON 11 Apr 2023 IN Landmark     TAGS: nocturne, longexposure, square, postcard

Piazza Dante di Notte

Quando ero ragazzo (tanto tanto tanto tanto tempo fa) collezionavo cartoline. Ne avevo tantissime, da tutto il mondo; sono passati anni, ma ricordo benissimo la prima, quella che aveva iniziato la passione: una cartolina di Piazza Dante di notte, perfettamente simmetrica, con la fontana e con l’ex palazzo comunale, quello che gli onegliesi chiamano ancora oggi Cremlino. Non c’era ancora quello strano prato verde circolare intorno alla fontana, dovrebbe essere un’innovazione -mai compresa- degli anni ’90. Questa immagine per me è quasi iconica (credo per tanti imperiesi) e qualche giorno fa, tornando da una visita lampo nella mia città natia, ho deciso di fermarmi e di portare a casa un’immagine ricordo di Piazza Dante. Ho studiato un po’ e ho scoperto tante cose della fontana che non sapevo e mi piacerebbe tornare a dedicarle qualche foto, qualche dettaglio. È una prossima idea da realizzare.

An old photo -Rezzo-

POSTED ON 4 Mar 2023 IN City & Architecture     TAGS: silver, frame

An old photo -Rezzo-

Questa foto è una riproduzione, credo abbastanza fedele. Fu scattata da mio nonno, nei caruggi di Rezzo, nei meravigliosi anni ’70. La vedo da tempo esposta (e malandata, ma d’altronde ha quasi 50 anni) in casa di mia zia e non so quante volte ho pensato: “Devo andarci”. Finalmente ho risolto e cancellato dalla lista delle cose da fare (è un elenco che non mi fa dormire). Il tempo non ha cambiato le cose: ho cercato la stessa posizione (almeno quanto mi ricordavo) e ho scattato direttamente in monocromatico, come nell’originale.

Il Santuario di Rezzo

POSTED ON 2 Mar 2023 IN Reportage     TAGS: church

Santuario di Rezzo /02

Avevo lasciato in sospeso il discorso sul Santuario di Rezzo, dedicato alla Madonna Bambina e a Nostra Signora del Santo Sepolcro. Mia nonna aveva una passione importante per questo luogo e lo ricordo soprattutto per le sue parole. Per arrivare al Santuario, che si trova sopra il paese, si percorre in macchina una piccola strada di campagna e quando si arriva davanti alla piazza antistante al porticato si rimane piacevolmente sorpresi dal colore bianco e dalla maestosità della costruzione. Una maestosità che non ci si aspetta e che sorprende. Il Santuario è da stato da poco ristrutturato grazie all’intervento del comune ed è semplicemente meraviglioso, un vero e proprio gioiello.

Voluto nel 1444 dai capi famiglia della comunità medievale come luogo di culto intitolato a Maria Bambina, il Santuario fu eretto nel corso del XV secolo da maestranze locali con probabili apporti provenzali e/o lombardi. Realizzato in stile romanico-gotico, fu consacrato nel 1492 dal Vescovo della Diocesi di Albenga. All’interno del Santuario della Madonna Bambina o della Natività di Maria di Rezzo si conserva un’intera parete di affreschi realizzata tra la fine del XV e l’inizio del XVI secolo da due artisti locali: un anonimo e Pietro Guido da Ranzo, conosciuto anche per altre importanti collaborazioni a Mendatica, Ranzo, Montegrazie.

L’interno è altrettanto bello e maestoso: sulla parete della navata di destra si possono ammirare due cicli di affreschi di stile tardo-gotico, mentre molto interessanti sono la cripta, con un notevole altare in legno, la statua del Maragliano e la bellissima scultura della Madonna col Bambino del grande artista genovese Filippo Parodi. Sono rimasto nel Santuario quasi un’ora, da solo, e ho sentito una sensazione di pace e calma che solitamente mi sfuggono. Purtroppo è poco pubblicizzato e fuori dalle grandi rotte turistiche della zona, ma merita davvero una visita anche solo per coglierne l’essenzialità e l’atmosfera. Il Santuario ha anche una particolarità quasi unica: è uno dei pochi esempi di luogo di culto non di proprietà della Curia. Venne costruito dagli antichi Rezzaschi che, resistendo alle ingerenze della Chiesa, decisero di lasciarne la proprietà al comune.

E’ passato un po’ di tempo dalla mia visita a Rezzo, ma voglio comunque ringraziare l’amico Giovanni Vianello –il RAS del Paese– che mi ha accolto a braccia aperte nonostante gli impegni famigliari (era l’ultimo dell’anno) e Barbara Saltarini che mi ha gentilmente permesso di visitare, totalmente in solitaria e con tutta calma, il Santuario. Grazie, grazie, grazie.

Santuario di Rezzo /03Santuario di Rezzo /06

Santuario di Rezzo /05Santuario di Rezzo /07Santuario di Rezzo /08

Santuario di Rezzo /19

Santuario di Rezzo /04Santuario di Rezzo /11Santuario di Rezzo /12

Santuario di Rezzo /09Santuario di Rezzo /10

Santuario di Rezzo /16Santuario di Rezzo /17Santuario di Rezzo /18

Santuario di Rezzo /01Santuario di Rezzo /13

Santuario di Rezzo /20Santuario di Rezzo /21Santuario di Rezzo /22

Alla (ri)scoperta di Rezzo

POSTED ON 1 Mar 2023 IN Reportage     TAGS: village, trekking

Alla(ri)scoperta di Rezzo /15Alla(ri)scoperta di Rezzo /18

Tornare a Rezzo per me è come fare un salto nel passato, un salto indietro di almeno 40 anni. Rezzo è un piccolo paesino abbarbicato in cima ad una salita tortuosa ed è famoso per il celebre bosco che prende il nome dal paese e che finisce al passo della Mezzaluna. Per me i prati della Mezzaluna erano la fine del mondo conosciuto; alla mezzaluna c’erano le mazze di tamburo, ma sto anticipando troppo i tempi. Quando ero bambino i miei nonni trascorrevano qui le vacanze estive (e non solo), nel primo periodo alla Locanda Bertone, dalla Rina, poi nel tempo in un appartamento in affitto. E mi ricordo che la domenica si partiva, la strada era complicatissima, e si andava a Rezzo dai nonni: dagli anni ’80 si passava per la superstrada che tagliava nettamente il percorso, mentre prima, quando ancora le gallerie erano in costruzione, era obbligatorio fare il giro dal Colle San Bartolomeo ed era una sofferenza atroce. Era quasi sempre domenica, quasi sempre mattino presto e si andava nel bosco per funghi: la grande passione dei nonni paterni (ed ecco il perché delle mazze di tamburo, la Macrolepiota procera). Ci si fermava al Ponte dei Passi per riempire di acqua pulita le borracce e si cercavano i gamberi di fiume.

Rezzo era conosciuto perché qui si correva (una volta l’anno) una prova speciale, una delle più difficili, del Rally di Sanremo. Da qualche parte c’è una mia foto di bambino in braccio a Michèle Mouton all’epoca l’unica donna in gara, se non sbaglio con la Fiat 131 Abarth Rally. E ho delle immagini, molto sfuocate, del sottoscritto alle prese con il modellino della Fiat 131 mentre gioca, sul campo da bocce del paese, insieme ad altri bambini. E all’epoca si correva di notte: ricordo i fari della Lancia Stratos e il rombo assordante dei motori. Il paese era in totale euforia. Sono flash, rapidissimi, anche perché il tempo scorre veloce, passano gli anni, e la memoria si appanna.

Nel centro del paese c’era (ma c’è ancora) il parco pubblico, i giardinetti. Con un incredibile ed enorme campo da calcio, i giochi per bambini e, nel primo periodo, anche una voliera. Anche un pavone se non ricordo male. La fontana che di sera si illuminava. Quel parco mi sembrava enorme, ritornarci mi ha fatto capire meglio le proporzioni. E nel centro dei giardini pubblici (ai quali si arrivava attraverso due scale che percorrevo a velocità assurda) la famosa Pagoda: era stranissima e bellissima, veniva utilizzata per il ballo, mentre di giorno si giocava a calcio balilla. Se non ricordo male c’era anche un bar.

Ritornare a Rezzo è stato emozionante. Sono arrivato al mattino presto e ho fatto il giro della Giara di Rezzo (l’affluente dell’Arroscia che scorre sotto il paese) passando dal famoso Ponte Napoleonico, poi ho percorso a piedi tutto il paese infilandomi nei vicoli più stretti. Ho rivisto i luoghi delle foto del nonno dal vivo (una l’ho scattata identica), ma non ricordo quasi più nulla. La Locanda Bertone non esiste più da diversi anni. La via principale è rimasta praticamente identica, con la vista sui giardini pubblici, il marciapiede enorme sulla sinistra a salire: è un ricordo lucido. Sono anche andato alla fontana dei Passi e al celebre Santuario del quale parlava sempre mia nonna (ma è un’altra storia). Sono rimasto qualche minuto nel centro della Pagoda, ho percorso quella scalinata, visto il Castello. Sono andato a trovare un paio di amici che hanno scelto (controtendenza) di vivere a Rezzo. È stata una giornata strana, particolare, ma che ho assaporato lentamente in ogni singolo istante. Ho scelto 20 foto (perché qua si parla ancora di fotografia), alcune sono iconiche, ma solo per il sottoscritto. Quando le osservo quasi non ci credo, mi commuovo. È stato bello.

Alla(ri)scoperta di Rezzo /06Alla(ri)scoperta di Rezzo /07Alla(ri)scoperta di Rezzo /08

Alla(ri)scoperta di Rezzo /09Alla(ri)scoperta di Rezzo /10

Alla(ri)scoperta di Rezzo /17

Alla(ri)scoperta di Rezzo /12Alla(ri)scoperta di Rezzo /13

Alla(ri)scoperta di Rezzo /11Alla(ri)scoperta di Rezzo /14Alla(ri)scoperta di Rezzo /16

Alla(ri)scoperta di Rezzo /04Alla(ri)scoperta di Rezzo /05

Alla(ri)scoperta di Rezzo /01Alla(ri)scoperta di Rezzo /02Alla(ri)scoperta di Rezzo /03

Alla(ri)scoperta di Rezzo /19Alla(ri)scoperta di Rezzo /20

Ready to Go!

POSTED ON 3 Ott 2022 IN Beach, Landscape     TAGS: sunrise, sea, longexposure

Ready to Go!

Mia Galeazza

POSTED ON 1 Ott 2022 IN Landscape     TAGS: sunrise, sea, longexposure

Mia Galeaaza

Mia Galeazza, che sei vita e memoria. Mia Galeazza, che mi fai impazzire ed emozionare, che mi fai tornare bambino, che mi fai ridere, che mi fai riflettere e comprendere. Mia Galeazza, che torni come un sogno nella mia mente, che rinfreschi il cervello e che fai brillare la mia fantasia. Il tuo suono è duro e appassionato, ma è come musica per chi sa ascoltarti. Il tuo odore è forte e inebriante, ma si trasforma in profumo dolcissimo sotto la luna di Agosto. Mia Galeazza, diventi meravigliosa, incantevole e unica al sorgere del sole, sei come una storia infinita che fa terminare i pensieri nel vortice di un’alba sospesa e incompiuta. Mia Galeazza, sei tutto quello che posso immaginare, sei il mio posto nel mondo e sei come la passione vera: bellissima da vivere, impossibile da descrivere.

Logge S.Chiara -sunrise-

POSTED ON 28 Set 2022 IN City & Architecture, Landscape     TAGS: sunrise

Logge S.Chiara -sunrise-

Logge S.Chiara

POSTED ON 28 Set 2022 IN City & Architecture     TAGS: sunrise

Logge S.Chiara

Golden hour -they move-

POSTED ON 18 Set 2022 IN Landscape     TAGS: goldenhour, sails

Golden hour (they move)

Sunset on the sails

POSTED ON 18 Set 2022 IN Landscape     TAGS: sunset, sails

Sunset on the sails /01Sunset on the sails /02

Calm and silence

POSTED ON 17 Set 2022 IN Landscape     TAGS: sunset, sails, longexposure, neutraldensity

Calm and silence

Vele d’Epoca 2022

POSTED ON 17 Set 2022 IN Reportage     TAGS: event, sails, sea, clouds

Vele d'Epoca 2022 /21Vele d'Epoca 2022 /22

Vele d'Epoca 2022 /01

Dopo una pausa lunghissima, credo siano passati 10 anni dall’ultima volta, sono tornato ad Imperia per il raduno delle Vele d’Epoca. Il raduno è una manifestazione bellissima e ormai tradizionale di fine estate, un evento iniziato in sordina nel secolo scorso, alla prima edizione nel 1986 parteciparono 30 imbarcazioni, ma che ormai ha conquistato un ruolo importante e di prestigio nel calendario nazionale e internazionale.

Purtroppo ultimamente ha perso un po’ di fascino e si percepisce un calo di importanza rispetto alle edizioni precedenti: è davvero un peccato, speriamo che Imperia riesca a trovare lo smalto e la qualità che ne hanno contraddistinto il passato.

Per l’occasione mi sono ritagliato 2 giorni infrasettimanali e ho partecipato totalmente alla storia di questa 23ª edizione. Ho assistito all’inaugurazione, ho salutato amici e parenti, ho camminato per ore lungo Calata Anselmi. Venerdì invece sono uscito in barca per assistere alla prima regata: purtroppo l’imbarcazione non era la più adatta per la fotografia e quindi non sono riuscito a scattare come avrei voluto. Inoltre il mare decisamente lungo ha creato non pochi problemi e ho sofferto le pene dell’inferno: siamo rientrati in porto molto presto, ma fortunatamente poco prima di un deciso peggioramento delle condizioni del mare: mi hanno raccontato di onde di 7 metri e vento a 30 nodi. Nonostante tutto, e nonostante la scarsa qualità delle immagini, sono tornato a casa abbronzato e con il profumo del mare nel cervello. E questo è sempre un fattore positivo.

Vele d'Epoca 2022 /02Vele d'Epoca 2022 /03

Vele d'Epoca 2022 /04Vele d'Epoca 2022 /05Vele d'Epoca 2022 /08

» CONTINUA A LEGGERE «

          Older »