photosnever sleep
Pier [Voss]

Pier [Voss]

Il mio percorso fotografico del #CostaPhotoBlogTour è decisamente random. Dopo essere scesi a Flam siamo saliti (scusate il gioco di parole) sulla Flamsbana, la linea ferroviaria che collega Flam (appunto) con Myrdal, in alta montagna; questo tratto ferroviario è celebre per essere il più ripido del mondo non a cremagliera (ma anche per essere particolarmente affascinante). Arrivati a Voss scopro che la celebre e carissima acqua in realtà non è prodotta in città ma decisamente fuori mano. Stupore misto a raccapriccio. E io che non sapevo nemmeno dell’esistenza dell’acqua Voss. Ingenuo. Il tempo non è dei migliori, le nuvole nascondono l’azzurro del cielo, piove una pioggia fitta e decisamente fastidiosa (ottimo test per saggiare la tropicalizzazione della mia attrezzatura). Questo è il lago di Voss fotografato a f/8 e con un leggero tocco di sharpen luminosity (per farlo risaltare dal grigiore) sul molo. Il viaggio continua.

Gibraltar

Gibraltar

Gibilterra ha sempre esercitato, sin dai tempi delle scuole, un certo fascino sul sottoscritto: il confine del mondo conosciuto. Nessuno osava superare le celebri Colonne d’Ercole. Nessuno prima dell’intuizione del genovese Cristoforo Colombo. E quando quest’estate mi sono ritrovato nel sud della Spagna non sono riuscito a resistere: volevo osservare il Jebel Musa e la costa Africana dalla Rocca di Gibilterra. La zona è definita pomposamente ‘Europa Point‘. In realtà non c’è molto: un faro bianco con la classica striscia centrale rossa, un grande parcheggio (deserto), un bar, un santuario, una moschea e tanto tanto vento. Volevo scattare una foto ‘ricordo’ che potesse celebrare i miei ricordi scolastici e stimolare la mia immaginazione ma non sono riuscito a trovare niente di interessante. Deluso stavo per lasciare Europa Point quando ho visto una piccola sporgenza con un punto panoramico. Mi sono avventurato fra le rocce e ho trovato la foto che cercavo: il faro di Gibilterra, le colonne d’Ercole e l’Africa (sullo sfondo). Era qui il confine del mondo conosciuto.