contatore gratis

Villa Missale

POSTED ON 20 Giu 2024 IN Reportage     TAGS: URBEX

Villa Missale /01

L’ho sempre sentita definire Villa Missale, immagino in riferimento al libro liturgico; in realtà mi sembra molto forzato. Il nome più adatto sarebbe probabilmente Villa del Religioso, per l’enorme quantità di simboli cattolici presenti: un quadro di padre Pio, diverse foto di pontefici, due crocifissi, la madonna, un rosario e dimentico sicuramente qualcosa. La presenza inoltre di una chiesa all’interno fa pensare che questa Villa fosse abitata da persone molto credenti e devote.

Ma se devo raccontare qualcosa di Villa Missale posso dire, senza smentita, che fra queste pareti ho dimostrato un certo sangue freddo e una certa incoscienza: ero con Lorena e sapevamo dal principio che non si trattava di una location tranquilla, le voci in merito non erano rassicuranti. Quasi alla fine del nostro giro di foto ho sentito gridare in lontananza. Parole ed insulti pesanti. Ero al piano superiore e quando ho capito che non avrebbe smesso sono sceso: ho trovato Lorena alla prese con il pianoforte. Le ho chiesto, non senza un briciolo di ironia, se quelle grida disumane fossero indirizzate a noi, lei mi ha risposto affermativamente (come se fosse normale) e mi ha chiesto di poter scattare le ultime foto. Non c’è fretta. Ho aspettato, quindi abbiamo smontato con calma l’attrezzatura e siamo usciti; il tutto mentre il nostro amico, che probabilmente era il vicino di casa, continuava a intimarci di andare in un certo specifico posto. Non ci siamo agitati più di tanto, ho salutato gentilmente e poi siamo usciti.

Purtroppo non sono niente soddisfatto delle foto. Sono passati oltre due anni (correva l’anno 2022), ma riguardando a mente fredda il mio lavoro proprio non riesco a trovarlo nemmeno decente. Qualcosa di interessante c’è, ma data la qualità della location avrei potuto fare sicuramente di meglio: meglio nei dettagli, meglio nelle alte luci, meglio nella composizione. Sono immagini che si perdono nel tempo e che non possono tornare, ed è un peccato: come sempre.

La religione è per le persone che hanno paura di andare all’inferno.
La spiritualità è per coloro che ci sono già stati.
– Neil Gaiman

Villa Missale /02Villa Missale /13

Villa Missale /12Villa Missale /14Villa Missale /25

Villa Missale /07Villa Missale /06

Villa Missale /22Villa Missale /27Villa Missale /23

Villa Missale /08Villa Missale /21

Villa Missale /09

» CONTINUA A LEGGERE «

Gemma di Riso

POSTED ON 27 Apr 2023 IN Reportage     TAGS: URBEX, industrial

Gemma di Riso /19

Quando si visita una villa abbandonata, oppure un’abitazione privata, si capiscono e percepiscono le persone che l’hanno vissuta. Il loro stile di vita, le loro passioni, come si vestivano. È un gioco di ricerca a ritroso nel tempo, è una specie di causa/effetto per molti versi anche intrigante e affascinante. Nell’urbex industriale la partita è completamente diversa, perché sono luoghi meno intimi, il rovescio della medaglia consiste in una ricostruzione più semplice della storia: gli elementi sono pochi e generalmente più basici.

Nel caso di questa piccola azienda per la produzione di riso (non vi nascondo ovviamente che siamo nella zona del Vercellese) ho trovato però un paio di elementi decisamente destabilizzanti e fuori luogo. Perchè in mezzo agli uffici, ai magazzini per lo stoccaggio, i bagni, i macchinari e le solite immagini religiose, abbiamo trovato un motoscafo e un calciobalilla. Quest’ultimo decisamente affascinante: immaginare i dipendenti, che finito l’orario di lavoro, oppure in pausa, si sfidavano a partite di biliardino fa pensare ad un’atmosfera molto famigliare e serena.

Ma il motoscafo? Cioè, capisco le risaie allagate, ma il motoscafo? Devo ammettere che quando l’ho visto sono rimasto decisamente perplesso; mi sono immaginato l’utilizzo del motoscafo come mezzo per muoversi nelle risaie al fine controllare le piantagioni; ovviamente sto scherzando (meglio dirlo prima che qualcuno mi prenda sul serio), certo una passione per il mare e la motonautica del titolare potrebbe essere. L’unica soluzione plausibile all’indovinello. E niente, ci sto ancora pensando adesso.

Gemma di Riso /10Gemma di Riso /12

Gemma di Riso /05Gemma di Riso /02Gemma di Riso /04

Gemma di Riso /11Gemma di Riso /09

» CONTINUA A LEGGERE «

La villa del Plastico

POSTED ON 28 Feb 2022 IN Reportage     TAGS: urbex

La Villa del Plastico /01

In realtà sarebbe meglio scrivere dove c’era il plastico. Perché in questa struttura, molto moderna e particolare, il piano superiore era interamente dedicato ad un meraviglioso ed enorme plastico di trenini elettrici. Ho deciso volutamente di non salire la scala a chiocciola che porta di sopra. In realtà anche perché è stata l’esplorazione più casuale della mia vita: mi trovavo di passaggio per motivi personali, con un abbigliamento non certo adatto alla fotografia di luoghi abbandonati. Ma l’occasione fa l’uomo fotografo e ho deciso comunque di cimentarmi nella nobile arte dell’urbex: avevo con me il treppiede leggero, la testa a sfera (che odio) e il grandangolo. Devo comunque ammettere che questa villa mi ha stupido per l’arditezza della costruzione: enormi vetrate, spazi ristretti ma probabilmente modulabili, un’idea decisamente moderna e futuristica (anche troppo) di abitazione. Ho deciso di iniziare con la prima foto che ho scattato, la camera da letto, perché mi lascia un senso di pulizia (?) e linearità incredibili. Purtroppo non ho trovato nemmeno il celebre Robot Emiglio: sarebbe stata una chicca notevole, d’altronde lo sanno tutti che Emiglio è Meglio.

La Villa del Plastico /06La Villa del Plastico /17La Villa del Plastico /19

» CONTINUA A LEGGERE «

Il castello di Albano Vercellese

POSTED ON 27 Gen 2022 IN Reportage     TAGS: URBEX, castle

Castello di Albano /08

Il Castello di Albano Vercellese è abbandonato da diverse decine di anni. Ha un storia antica, che inizia probabilmente nel XIV, fatta di famiglie nobili, discendenze, guerre e distruzione. Il castello attuale è stato edificato su uno più antico, di cui si scorgono ancora tratti della linea della merlatura a coda di rondine, murata durante le opere di sopraelevazione nel XV secolo. Il vecchio maniero, probabilmente una struttura di ricetto, era circondato da uno spalto e da un fossato, alcune fondamenta di case dell’epoca farebbero pensare all’esistenza di un abitato a ridosso del perimetro fortificato. Del castello restano il torrione d’ingresso a pianta quadrata con garitta cilindrica, della metà del XV secolo, e alcuni tratti delle cortine.

Il toponimo deriva forse da Albanus, nome personale romano; dell’epoca romana resta una tegola con iscrizione funeraria. Dal X secolo, sotto l’episcopato di Attone, Albano risulta tra le pievi della chiesa vercellese; il possesso al Vescovo di Vercelli fu confermato coi diplomi imperiali di Ottone III (999) e di Federico Barbarossa (1152) fino al 1179, quando una parte venne ceduta al Comune di Vercelli. Dopo esser stata proprietà di varie famiglie (Tizzoni, Avogadro, de Albano), nel 1335 Albano passò ai Visconti fino al subentrare dei Savoia (1407).
Nel 1621, per volere del duca Carlo Emanuele I, Albano (insieme ad Oldenico e Cascine San Giacomo) fu eretta contea di Mercurio Arborio di Gattinara, gran cancelliere di Carlo V d’Asburgo. Ancor oggi l’edificio del Castello appartiene alla famiglia Arborio di Gattinara.
Secondo gli storici, quando Albano si trovava sotto la dominazione del Comune di Vercelli, era circondato da uno spalto e da un fossato, lungo il quale venivano piantati cespugli spinosi; nel XIV – XV secolo venne edificato un vero e proprio castello.
Alcune notizie sullo stato del fabbricato nel 1671 e in particolare l’esistenza di case rovinate fuori dal castello verso est, potrebbero attestare l’esistenza di un abitato a ridosso del perimetro fortificato, probabilmente un ricetto, la cui esistenza, allo stato attuale delle conoscenze, non è però documentabile. Il castello fu ristrutturato nel XIX secolo, ma conserva parti antiche risalenti al XV secolo.

L’UNIone VOlontari Culturali Associati (UNI.VO.C.A.) ha cercato negli anni scorsi di opporsi al degrado in cui versa il Castello Vercellese purtroppo senza grossi risultati. Oggi il Castello, che venne ristrutturato nel scorso secolo, appartiene alla famiglia Mercurino Filiberto Arborio.

Castello di Albano /14Castello di Albano /24

Castello di Albano /10Castello di Albano /11Castello di Albano /12

Castello di Albano /15Castello di Albano /16

Castello di Albano /05

» CONTINUA A LEGGERE «

Il palazzo del Conte (Leri Cavour)

POSTED ON 19 Apr 2019 IN Reportage     TAGS: URBEX

Leri Cavour. Il palazzo #02Leri Cavour. Il palazzo #01

Leri Cavour è una frazione di Trino, in provincia di Vercelli, un tempo possedimento di 900 ettari della famiglia Benso di cui fu conte Camillo Benso. Tra la moltitudine di paesi fantasma in Italia è forse uno dei più controversi, abbandonato a se stesso, tra qualche barlume di rinascita. Per la storia vi invito a leggere Paese Abbandonato di Alberto Bracco, in cui troverete tantissime informazioni, anche sugli sviluppi recenti. Per me Leri rappresenta qualcosa di importante: sono sempre rimasto affascinato dalla storia del Risorgimento italiano e soprattutto dalla figura di Camillo Benso conte di Cavour. E pensare che in queste terre è nato il pensiero che avrebbe portato, oltre 150 anni fa, all’unità d’Italia mi rende triste. Qualche anno fa, in occasione dell’anniversario, si era tornato a parlare di Leri Cavour e sono anche iniziati dei lavori per rilanciare il paese, addirittura come museo del Risorgimento. Di quel barlume di speranza è rimasto davvero poco: qualche rete da cantiere e poco altro. Adesso il paese è aperto ai curiosi e ai vandali, recentemente anche la chiesa, rimasta chiusa sino a qualche anno fa, è stata violata. Un paese, una nazione, non dovrebbe mai dimenticare il suo passato: è un delitto mortale perchè impedisce di imparare dai propri errori. Nelle foto ho preferito evidenziare il palazzo del Conte, l’unica parte interessata dai restauri di qualche anno fa. Con poco potrebbe tornare a splendere, i soffitti sono ancora maestosi e carichi di storia. L’unica consolazione è sapere che i turisti di passaggio (e sono tanti) possono ancora liberamente visitarlo, e si intravede una sorta di rispetto rispetto ad altri luoghi abbandonati: forse è ancora lo spirito del Conte a vegliare su questi muri.

Leri Cavour. Il palazzo #04Leri Cavour. Il palazzo #06Leri Cavour. Il palazzo #07

Leri Cavour. Il palazzo #03Leri Cavour. Il palazzo #05

Ex Ospedale Psichiatrico di Vercelli

POSTED ON 8 Gen 2018 IN Reportage     TAGS: urbex, asylum

Ex Ospedale Psichiatrico di Vercelli /01

L’ex ospedale psichiatrico di Vercelli (che possiamo anche chiamare manicomio senza alcuna paura) venne costruito nel 1930 per la cura delle persone affette da malattie mentali ed è composto da 20 padiglioni di cui solo 1 attualmente funzionante. Le sue dimensioni sono mastodontiche, parliamo di circa 125000 metri quadri immersi nel verde: al suo interno trovano spazio anche una chiesa, posizionata centralmente, e un teatro, il Benedetto Trompeo, andato in parte a fuoco e decisamente pericolante. Con l’arrivo della legge Basaglia nel 1978 chiude (come tutti i manicomi italiani) e viene trasformato nell’azienda ospedaliera di Vercelli sino al 1991 anno della definitiva cessazione.

Questo luogo fu teatro, tra il 12 e il 13 maggio 1945, dell’episodio passato alla storia come Eccidio dell’ospedale psichiatrico di Vercelli. Le notizie sono poche e non sempre certe, ma qui vennero giustiziati sommariamente e in modo molto cruento, ad opera di alcuni partigiani della 182ª Brigata Garibaldi “Pietro Camana”, un gruppo di militi della Repubblica Sociale Italiana prelevati dallo stadio di Novara, allora adibito a campo di prigionia.

Visitare il manicomio di Vercelli è, come capita in questo tipo di strutture, molto inquietante. Si respira la sofferenza, si sente la morte, la tristezza, il dolore. Eppure fino al 1978 in questi ospedali venivano internate le persone diverse, affette da quelli che venivano definiti disturbi mentali. Ho visitato solo una parte della struttura, per riuscire a fotografarla tutta ci vorrebbero diversi giorni, ma credo comunque di essere riuscito a coglierne l’anima. L’odore di muffa e di chiuso regna sovrana in quasi tutti i padiglioni: scale su scale, porte distrutte, vetri in frantumi, fra radiografie, certificati, ricette mediche, manufatti e scritte sui muri, alcune di queste anche angoscianti.

Il padiglione più interessante è sicuramente quello che ospita la chiesa; è un edificio relativamente moderno e quindi costruito quasi sicuramente dopo la prima guerra mondiale. Le panche per i fedeli sono ammassate una sopra l’altra, la croce è caduta, c’è un organo, una macchina da scrivere: addirittura dei bicchieri e qualche testo sacro. Le finestre sono ancora intatte, come a rispettare la sacralità della chiesa. Bellissime e molto fotogeniche le scritte in latino sui muri che dominano la scena dall’alto.

In fondo al complesso, per ultima, si erge la chiesa. Anche qui un estremo disordine circonda l’altare dove resiste al caos solo il pianoforte. Anche la grossa croce è stata deposta nel tempo.

Fra le mie esplorazioni urbex (risale al novembre del 2016) devo ammettere che questa è stata la più interessante, la più straniante. Per le dimensioni della struttura, enorme, e per la quantità di materiale storico che si può trovare negli uffici amministrativi: ho visto giornali degli anni ’30, cartelle cliniche del primo dopoguerra, montagne di dossier, di ricette. Anche negativi e pellicola da ripresa. E poi ci sono le sedie a rotelle, gli armadi, gli archivi, le stanze vuote ed immense, medicinali, bottiglie, giocattoli. Quando cammini fra i padiglioni cercando di capire quali sono i più interessanti sembra di trovarsi in un mondo post-atomico fatto di macerie e distruzione. E non è una bella sensazione.

Il manicomio non finisce più. È una lunga pesante catena che ti porti fuori, che tieni legata ai piedi. Non riuscirai a disfartene mai.
– Alda Merini

Ex Ospedale Psichiatrico di Vercelli /42Ex Ospedale Psichiatrico di Vercelli /41Ex Ospedale Psichiatrico di Vercelli /40

Ex Ospedale Psichiatrico di Vercelli /02Ex Ospedale Psichiatrico di Vercelli /03

Ex Ospedale Psichiatrico di Vercelli /06Ex Ospedale Psichiatrico di Vercelli /05Ex Ospedale Psichiatrico di Vercelli /04

Ex Ospedale Psichiatrico di Vercelli /07Ex Ospedale Psichiatrico di Vercelli /08

Ex Ospedale Psichiatrico di Vercelli /23Ex Ospedale Psichiatrico di Vercelli /24Ex Ospedale Psichiatrico di Vercelli /39

Ex Ospedale Psichiatrico di Vercelli /44

Ex Ospedale Psichiatrico di Vercelli /15Ex Ospedale Psichiatrico di Vercelli /16

» CONTINUA A LEGGERE «