Il villino della Volpe Impagliata

POSTED ON 28 Mag 2024 IN Reportage     TAGS: URBEX

Il villino della Volpe Impagliata /01

Ci sono esplorazioni di luoghi apparentemente brutti, svogliati, poco significativi, ma che in realtà regalano soddisfazioni enormi. Magari non dal punto di vista fotografico, ma sicuramente dal punto di vista emotivo. E il Villino della Volpe Impagliata fa parte di questa ampia categoria di luoghi emozionali. Villino è una definizione molto indovinata, perché si tratta davvero di una piccola costruzione alla periferia di una paese di provincia: due piani, tre stanze per piano. Tutto ridotto ai minimi termini.

Ma in questi ridotto numero di metri quadri si nasconde l’urbex più autentico. Perché la casa è abbandonata da tantissimo tempo, circondata da una fitta vegetazione e quasi interamente ricoperta di edera. La porta principale è spalancata, le macerie sono ovunque e appena si varca la soglia di ingresso si capisce che l’abbandono è un dato di fatto compiuto e non discutibile. Ma ci sono due oggetti che attirano l’attenzione, la mia sicuramente, e fanno pensare al passato: la volpe impagliata, che regala il nome alla villa, ma soprattutto il frigorifero RadioMarelli che riporta indietro nel tempo, all’immediato dopoguerra, al paese che prova a rialzarsi rilanciando il proprio settore industriale. E poi c’è la polvere, una lucidatrice, un televisore a tubo catodico, lampadari di un certo tipo, tutto quanto ricorda la seconda metà del secolo scorso.

Poi devo ammettere che la volpe impagliata non lascia indifferenti: nel centro del salotto, inquietante, rovinata dal tempo e dall’umidità (il clima da queste parti non è salubre e le finestre sono spalancate), dona alla stanza un aspetto decisamente macabro e spettrale. L’odore di umido certo non aiuta e le ragnatele completano il quadro tipico del mondo urbex, quello sporco e dannato. Qui le impronte rimangono davvero nella polvere.

Il villino della Volpe Impagliata /02Il villino della Volpe Impagliata /14Il villino della Volpe Impagliata /17

Il villino della Volpe Impagliata /15Il villino della Volpe Impagliata /16

» CONTINUA A LEGGERE «

L’albergo del Tempio Perduto

POSTED ON 25 Mag 2024 IN Reportage     TAGS: URBEX, hotel

L'albergo del Tempio Perduto /12

Non conosco il nome reale di questo albergo, non sono riuscito a trovare nessun documento, niente che potesse portare a qualche indicazione utile. Certamente è qualcosa di molto particolare, con un ingresso che potrebbe essere quello di un casa popolare e una hall davvero bizzarra, un po’ fuori dal tempo. E giocando sul gioco di parole tempio/tempo ho trovato un nome che potesse rendere l’idea.

Si, perché una delle caratteristiche di questo albergo, la più importante e anche l’unica di un certo rilievo, è la presenza di un locale a forma di tempio: cattolico presumo, dalla frase di Antonio Rosmini dipinta su una delle pareti. A prima vista ho pensato si trattasse di una chiesa, anche se l’assenza di un vero e proprio altare potrebbe portare in altre direzioni. Ci sono colonne gotiche interamente dorate, delle bellissime vetrate con simboli religiosi (le chiavi incrociate di San Pietro e la bandiera del vaticano), un soffitto a cassettoni: chi ha progettato questa scenografia certamente intendeva dare un’impronta molto religiosa alla sua struttura.

Non conosco il motivo della chiusura e del successivo abbandono; e non riesco nemmeno ad avere un’idea, a immaginare qualcosa che possa avere un senso. Anche perché siamo in una zona a chiara vocazione turistica e trovare una chiesa dentro a un albergo sinceramente non mi era mai capitato. La piscina certo, la sauna, la palestra, ma davvero una chiesa esce dalla mia capacità di comprensione. Ma sicuramente si trattava di una struttura ricettiva un po’ particolare.

Adorare, tacere, godere.
– Antonio Rosmini

L'albergo del Tempio Perduto /09L'albergo del Tempio Perduto /10

L'albergo del Tempio Perduto /11L'albergo del Tempio Perduto /12L'albergo del Tempio Perduto /13

L'albergo del Tempio Perduto /08L'albergo del Tempio Perduto /13

L'albergo del Tempio Perduto /05L'albergo del Tempio Perduto /06L'albergo del Tempio Perduto /07

» CONTINUA A LEGGERE «

Il Castello di Ferrè

POSTED ON 23 Mag 2024 IN Reportage     TAGS: URBEX, castle, drone

Il Castello di Ferrè /16

Sul Castello di Gianfranco Ferrè non credo ci sia molto da dire e forse sarebbe meglio lasciare il compito di parlare alle immagini. Solo due informazioni, per aumentare il riscontro e dare un senso alle foto. Considerata una delle strutture più belle del Lago Maggiore, la villa fu costruita nel 1830, ma quando fu acquistata da Ferré giaceva da tempo in rovina. Il celebre stilista dedicò 15 anni della sua vita alla rinascita di quello che in origine era Castello Pellegrini: l’intenzione era di trasformarlo in un Relais au Lac di prima categoria, un ristoro di lusso, dove immergersi nel benessere e in servizi esclusivi. La sua scomparsa nel 2007 fermò questo progetto e il Castellotto nel 2009 passò di proprietà e venne dichiarato bene culturale dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Incorniciato da un parco di 12mila metri quadrati composto per la maggior parte da piante secolari e impreziosito da ruscelli spontanei, il complesso comprende due spiagge private e tre architetture con un suggestivo affaccio sul Lago Maggiore: il castello principale, una dependance sviluppata su due livelli e un cottage di 120 metri quadrati. Di grande impatto e con proporzioni maestose, il castello, dall’estetica medievaleggiante, ha una superficie di oltre 600 metri quadrati, si sviluppa su tre piani fuori terra e un seminterrato e presenta una pianta regolare e simmetrica con due torrette angolari circolari e una torre quadrata centrale. Tanti i dettagli di prestigio che si fanno notare: dalla scenografica scala in marmo bianco Carrara al grande balcone sulla facciata orientata verso il Lago Maggiore.

Potrebbe sembrare un annuncio immobiliare degno di Italy Sotheby’s International Realty, ma in realtà mi sono limitato semplicemente a tagliare e incollare una delle tante descrizioni che si possono trovare in rete (nel caso specifico da Repubblica). Non so se il nome altisonante che viene affiancato a questa struttura potrà aiutare una sua rinascita, certo è che si tratta di qualcosa di bellissimo.

L’ho vestita come una donna libera, romantica come si può esserlo nel duemila: né pizzi né trine. Una donna senza età.
– Gianfranco Ferrè

Il Castello di Ferrè /06Il Castello di Ferrè /03

Il Castello di Ferrè /01Il Castello di Ferrè /04Il Castello di Ferrè /07

Il Castello di Ferrè /08Il Castello di Ferrè /10

Il Castello di Ferrè /02Il Castello di Ferrè /05Il Castello di Ferrè /09

Il Castello di Ferrè /14

Il Castello di Ferrè /11Il Castello di Ferrè /12Il Castello di Ferrè /13

Il Castello di Ferrè /15Il Castello di Ferrè /17

La Villa del Medico Artista

POSTED ON 21 Mag 2024 IN Reportage     TAGS: URBEX

La Villa del medico artista /24

Viene definita Villa del medico artista probabilmente per una serie di oggetti relativi alla professione medica e per una grande quantità di libri dedicati alla storia dell’arte. Ma in realtà è difficile riuscire a risalire alle origini di questa abitazione che negli anni è diventata un classico dell’urbex. In molti l’hanno anche chiamata dell’accumulatore seriale per la confusione e per l’incredibile quantità di oggetti: ci sono stanze nel quale praticamente non si riesce a vedere il pavimento, altre sono state sistemate per riuscire ad ottenere foto più precise e interessanti.

Era divenuta celebre anche la presenza di un giornale datato 23 novembre 1963 che in prima pagina raccontava l’omicidio Kennedy: purtroppo nella confusione non sono riuscito a trovarlo. Probabilmente è stato portato via, senza troppi giri di parole potrei azzardare anche rubato.

Devo ammettere che ho fatto veramente fatica: da amante della razionalità e dell’ordine tutta questa confusione mi ha portato in loop negativo. Non sono riuscito a fotografare con la mente libera, non ho trovato una mia dimensione: in quella che probabilmente una volta era la sala da pranzo ho accusato un peso mentale insopportabile; senza dimenticare il terribile odore di muffa e di vecchio che quasi non permette di respirare. Certo non una delle mie esplorazioni preferite, anche se fra queste pareti si nasconde un’importante storia di vita. Purtroppo è sepolta sotto un ampio strato di cumuli dimenticati molto simili alla spazzatura.

La Villa del medico artista /21La Villa del medico artista /22

La Villa del medico artista /01La Villa del medico artista /02La Villa del medico artista /06

La Villa del medico artista /03La Villa del medico artista /04

La Villa del medico artista /05

» CONTINUA A LEGGERE «

Chiesa di Pieve Gurata

POSTED ON 9 Mag 2024 IN Reportage     TAGS: URBEX, church

Chiesa di Pieve Gurata /08

È noto che alcune delle migliori scoperte del mondo urbex siano frutto della strada: perché non esiste esploratore che durante gli spostamenti in macchina non osservi attentamente e scrupolosamente il paesaggio alla ricerca di segni di abbandono. E quando lungo il tragitto che da Villa Targaryen ci portava a casa abbiamo notato la Chiesa di Pieve Gurata il primo istinto è stato quello di fermarsi a controllare. E mai decisione fu più saggia.

Siamo a Pieve Gurata, frazione di Cingia de’ Botti, all’ingresso del comune per chi proviene da Cremona. Siamo ancora fuori dal paese, che si sviluppa circa un chilometro più avanti, ma il primo nucleo abitativo della zona si formò proprio qui e le prime notizie risalgono al ben lontano 876.

La zona era praticamente deserta, abbiamo parcheggiato la macchina e siamo entrati nella muraglia che circonda il piccolo prato antistante la chiesa. Di fronte all’ingresso abbiamo subito notato una piccola, ma deliziosa, edicola votiva. Per accedere all’interno si devono salire 4 scalini, coperti di erba e difficili persino da vedere, e quindi spostare leggermente il malfermo portone d’ingresso: la chiesa è completamente spoglia, l’altare è sparito, non ci sono le acquasantiere, l’intonaco si sta scrostando e il guano dei piccioni è ovunque. Ma nonostante tutto questa chiesa è ancora interessante, bella, silenziosa e incarna perfettamente quello che significa magia dell’abbandono.

Chiesa di Pieve Gurata /07Chiesa di Pieve Gurata /09

Chiesa di Pieve Gurata /06Chiesa di Pieve Gurata /05Chiesa di Pieve Gurata /04

Chiesa di Pieve Gurata /02

Chiesa di Pieve Gurata /03Chiesa di Pieve Gurata /01

Ex Base Nato di Calice Ligure

POSTED ON 6 Mag 2024 IN Reportage     TAGS: URBEX, military, graffiti

Ex Base Nato /02

L’ex Base Nato di Calice Ligure fu costruita nel 1961, faceva parte di una rete di circa 40 stazioni militari in Europa e, grazie alla sua posizione strategica, contribuiva a monitorare gli spazi aerei nel territorio del savonese. La struttura era presidiata dalla 59th Compagnia U.S. Army Signal, appartenente al Battaglione 509th: siamo negli anni della Guerra Fredda, quando le potenze militari si sfidavano anche utilizzando strategie intimidatorie, vantando i migliori armamenti e le tecnologie più avanzate, il tutto sotto la minaccia di una guerra nucleare. Con il crollo del muro di Berlino e l’arrivo delle comunicazioni satellitari l’utilità della base calò drasticamente sino alla totale dismissione nel 1992.

Per arrivarci bisogna percorrere la Strada Provinciale 490 che conduce fino al Colle del Melogno. All’altezza della località Magliolo, si prende la Strada Provinciale 16, proseguendo fino all’incrocio con la Strada Provinciale 23, che porta verso la Madonna delle Neve. Dopo aver superato la chiesa, all’altezza della pala eolica, si imbocca una deviazione che procede su strada asfaltata, passando in parte nel bosco, arrivando fino all’ingresso della vecchia base americana. L’entrata è decisamente spettacolare e si comprende subito l’importanza strategica della posizione: da qui si domina l’intera vallata e la vista è davvero a perdita d’occhio.

Della vecchia base non è rimasto quasi nulla, all’ingresso si intravede il posto di guardia, la torre di controllo e tre edifici più imponenti: probabilmente la camerate, la sala radio e l’officina. Ma sono due le peculiarità che mi sono saltate subito all’occhio: la presenza di turismo sportivo, con tantissimi appassionati di ciclismo che si fermano qui per una pausa ristoratrice, e l’enorme quantità di meravigliosi graffiti che hanno trasformato la sede italiana della 046 US Army in un museo a cielo aperto. Negli anni si è parlato di recuperare questo spazio con tanti progetti, manco a dirlo, subito naufragati, ma forse meglio così: qui è conservato un pezzo di storia importante del secolo scorso e la possibilità di una visita libera è interessante per chiunque voglia spingersi fin quassù.

Ex Base Nato /05Ex Base Nato /21Ex Base Nato /24

Ex Base Nato /14Ex Base Nato /15

Ex Base Nato /20

Ex Base Nato /11Ex Base Nato /13

Ex Base Nato /07Ex Base Nato /08Ex Base Nato /18

» CONTINUA A LEGGERE «

Ossario di Custoza

POSTED ON 6 Mag 2024 IN Landmark, Reportage     TAGS: cemetery, monument

Ossario di Custoza /01

L’Ossario di Custoza è segnato in rosso nella mia personalissima mappa dei luoghi da visitare (in Italia). Perché è un simbolo, uno dei pochi, legato alle guerre d’indipendenza combattute nel 1848 e nel 1866, prima dall’esercito sabaudo e poi dall’esercito italiano; e il Risorgimento Italiano è da sempre un periodo storico che mi affascina. Sono arrivato alla biglietteria poco prima della chiusura (il biglietto costa pochissimo) e quindi mi sono visto costretto a fare un giro decisamente veloce: nonostante le dimensioni ridotte dell’Ossario (definire angusta la scala è riduttivo) sono riuscito a fotografare con il treppiede (senza pensare troppo) e mi sono anche permesso il lusso di cambiare obbiettivo. È un luogo che per certi versi può apparire macabro, ma è anche un monumento che permette di riflettere e, con un minimo di lucidità, comprendere cos’eravamo.

L’Ossario di Custoza è un monumento che si presenta come una torre a forma piramidale, alta quasi 40 metri. Fu inaugurato nel 1879 da Amedeo di Savoia, duca d’Aosta, per conservare le spoglie dei caduti durante la prima e terza guerra d’indipendenza italiane, nel 1848 e 1866. La storia di questo monumento è fortemente legata a quella di Don Pivatelli, parroco di Custoza, che ne promosse la costruzione. Egli nacque in una frazione di Villafranca di Verona nel 1832, e nel 1872 divenne parroco di Custoza, che fu teatro delle sanguinose battaglie d’indipendenza. Spinto dalla pietà nei confronti dei soldati che morirono per la libertà della loro patria, senza ricevere nessun tipo di riconoscimento e lasciati seppelliti nelle fosse comuni, egli decise di trovare un luogo dove raccogliere le loro spoglie.

Ossario di Custoza /02Ossario di Custoza /03Ossario di Custoza /04

Ossario di Custoza /05Ossario di Custoza /06

Ossario di Custoza /07Ossario di Custoza /08Ossario di Custoza /09

Ossario di Custoza /10

Villa Targaryen

POSTED ON 29 Apr 2024 IN Reportage     TAGS: URBEX

Villa Targaryen /09

L’esplorazione di villa Targaryen è stata una delle più sorprendenti della mia storia di urbexer. Perchè non mi aspettavo molto, avevo visto pochissime foto, ma appena entrato ho capito subito che si trattava di un luogo fantastico che trasudava di storia e abbandono. Inizio a dire che non conosco il significato del nome: generalmente viene scelto in base alle caratteristiche oppure per la posizione geografica. Qualche volta è scelto in modo incomprensibile e diventa reale con il passaparola. In questo caso potrebbe derivare dalla saga fantasy Cronache del ghiaccio e del fuoco di George R. R. Martin, ma sinceramente non saprei dire il motivo.

Villa Targaryen è molto particolare perché non ha una sola anima: si divide in tre come lo Spirito Santo. La prima parte che viene all’occhio è la zona padronale, enorme, antica, con il garage e la corte contadina. Poi si entra nella casa moderna: una sorta di appartamento, molto meno affascinante, che sembra essere stata l’ultima zona vissuta della proprietà. Infine, ultima ma non ultima, la meravigliosa dependance, probabilmente la casa dei custodi: divisa su due piani e due sole stanze, ma affascinante per la quantità di vita che si respira in mezzo all’abbandono. Ho pubblicato insieme queste tre anime, perché mi sembrava corretto non dividerle, ma credo che scorrendo le foto si riesca a comprendere perfettamente il passaggio da una zona all’altra.

È passato del tempo dall’esplorazione alla pubblicazione (sono sempre in ritardo), ma villa Targaryen mi è rimasta ben impressa nella mente. Non so dire da quanto tempo sia abbandonata e perché, ma qui ho respirato la vera decadenza, cioè quella sensazione reale di abbandono che viene spesso raccontata per definire la parola urbex. Si può comprendere la vita, ma si riesce perfettamente a osservare un’idea di assenza: le pareti scrostate con l’intonaco che si sfoglia, gli oggetti tipici addirittura della prima metà del secolo scorso, l’arredamento ancora intatto che ricorda le case dei nostri nonni nel dopoguerra, chincagliera ricercatissima che adesso definiremmo vintage, ma che sino a qualche anno fa non voleva nessuno. Un televisore a schermo catodico, la carrozzina, le tazze, una vecchia 500 senza targa in garage, la bambola dai capelli rossi, quello stucco con la sigla altisonante BA nell’ingresso. Purtroppo ho letto che recentemente i vandali hanno rovinato una parte dell’essenza incredibile di questa villa perché sappiamo che il rispetto non fa parte della nostra cultura. Un vero peccato, ma Villa Targaryen rimane comunque un luogo da scoprire. E ancora scoprire.

Villa Targaryen /07Villa Targaryen /08

Villa Targaryen /01Villa Targaryen /03Villa Targaryen /04

Villa Targaryen /14Villa Targaryen /16

Villa Targaryen /20Villa Targaryen /15Villa Targaryen /18

Villa Targaryen /22

Villa Targaryen /19Villa Targaryen /21Villa Targaryen /17

» CONTINUA A LEGGERE «

La casa di Paperino

POSTED ON 18 Apr 2024 IN Reportage     TAGS: URBEX

La Casa di Paperino /10

Ci sono esplorazioni brutte, che non lasciano emozioni e solo poche fotografie. A me questa sensazione capita sempre nel disordine, perché al caos preferisco il razionale e l’ordine. E nella Casa di Paperino, il significato del nome lo svelo dopo, ho trovato proprio la mia nemesi e non sono riuscito a tirarmi fuori dall’angolo. È stato brutto, le foto rispecchiano perfettamente il mio stato d’animo: pochi scatti, di pessima qualità, un fastidio composto, ma insopportabile e la fuga per la sconfitta (passando da una finestra sporca, pericolosa e scomoda).

Ma nella bruttura si può sempre trovare qualche piccola perla: il giocattolo che regala il nome a questa location è davvero importante. Si tratta di una Giordani 903, un’auto a pedali meravigliosa. Costruita negli anni ’60 è probabilmente l’auto a pedali più famosa d’Italia, la più rara, l’antesignana di tutte le altre imitazioni degli anni ’70, ispirata al mondo Disney di Topolino, identica alla mitica “313” di Paperino (ed ecco spiegato l’arcano). Purtroppo è in condizioni pessime ed è un vero peccato. Ma mi ha permesso di sognare qualche minuto e di immaginare un passato giocoso e divertente: non è poco.

La Casa di Paperino /09La Casa di Paperino /08

La Casa di Paperino /01La Casa di Paperino /02La Casa di Paperino /03

La Casa di Paperino /04

La Casa di Paperino /05La Casa di Paperino /06La Casa di Paperino /07

La Baronessa

POSTED ON 14 Apr 2024 IN Reportage     TAGS: URBEX

La Baronessa /16

Se dovessi stilare una classifica delle esplorazioni urbex più belle (operazione che in realtà mi capita, non di rado, di immaginare) sicuramente quella che, in modo originale, è stata definita “La Baronessa” (per una certa somiglianza con il Barone) meriterebbe un posto nell’Olimpo degli Dei. Per tutta una serie di motivi e di racconti, di storie, di leggende, di vere e proprie invenzioni che si celano dietro la breve vita urbex di questa location decisamente intrigante.

L’ingresso è complicato e non riusciamo a trovare l’entrata. Anzi, a dire il vero l’impresa è piuttosto semplice, il problema è che l’ingresso è stato sprangato. Quando le speranze sembrano perdute incontriamo altri due esploratori: sono volti noti (genovesi, lei giovane, lui meno giovane) e facciamo subito amicizia nel parco della Villa (come se fossimo al bar). Tocca fare un nuovo giro di perlustrazione con loro e riusciamo a trovare un’altra entrata, ma talmente piccola che la mia statura nemmeno fa pensare a un tentativo; ma sono l’unico alto e i miei compagni di avventura riescono ad infilarsi (e gentilmente mi aprono, con qualche rischio calcolato, la porta).

L’interno è fantastico e ancora incredibilmente intatto. Non perdo tempo (che in urbex è tiranno) e inizio subito a fotografare: un paio di stanze sono talmente buie che devo ricorrere alla posa bulb superando i 3 minuti di esposizione. Avevo visto poche immagini della Baronessa (salita alla ribalta in tempi relativamente veloci), ma una mi era rimasta impressa nella mente: una stanza da letto con due tappeti a forma di tigre (almeno così mi era sembrato). E come sempre mi accade non riesco a trovarla: sembra una maledizione. Dopo aver girato inutilmente in tutte le stanze intravedo una porta nascosta che mi era sfuggita: pensavo fosse una libreria. Muovo la maniglia e, colpo di scena, finalmente posso ammirare in tutta la loro bellezza le fiere (termine un po’ inusuale per indicare un animale selvatico che è insieme feroce e di grossa mole). È stata impegnativa (per la distanza, le difficoltà in entrata, la situazione luce), ma nel momento di uscire sono riuscito a percepire un’enorme soddisfazione.

La Baronessa /15La Baronessa /17

La Baronessa /18La Baronessa /19La Baronessa /20

La Baronessa /35La Baronessa /36

La Baronessa /38La Baronessa /40La Baronessa /41

La Baronessa /37La Baronessa /42

La Baronessa /39

» CONTINUA A LEGGERE «

Villa Kristal

POSTED ON 9 Apr 2024 IN Reportage     TAGS: URBEX

Villa Kristal /25

Villa Kristal è stata un’esperienza diversa dal solito e che mi ha lasciato un retrogusto amaro, anche se non riesco a spiegarmi il motivo. Diversa perché sono andato da solo: sveglia con il buio, ma buio pesto, e quando sono arrivato davanti al cancello il sole non pensava nemmeno di sorgere. Ho dovuto aspettare e sono entrato proprio alle prime luci dell’alba e se questo mi ha garantito tranquillità (ero certo che non avrei trovato nessuno all’interno), d’altrocanto mi ha creato non poche difficoltà fotografiche: senza luce è complicato trovare foto interessanti.

Ma andiamo con ordine e procediamo per gradi. Il parco di Villa Kristal è enorme, immenso, a perdita d’occhio e non curato; il vantaggio è che difficilmente qualcuno riuscirà a vederti, lo svantaggio è che per trovare la porta d’ingresso ho dovuto girare per diversi minuti. Appena salite le scale esterne ho notato che l’entrata era spalancata: il primo impatto è straordinario. Davanti a me si mostrava in tutta la sua bellezza il salone principale: un lampadario maestoso, busti, un caminetto, marmi, poltrone, un tavolo gigantesco, polvere e calcinacci: sicuramente l’idea di abbandono era presente. Purtroppo di luce nemmeno l’ombra (è un modo di dire) e quindi ho deciso di salire al piano superiore alla ricerca di qualche raggio di sole.

Villa Kristal è una meraviglia dietro l’altra, quando si pensa di aver trovato una stanza incredibile subito dopo si entra in qualcosa che lascia ancora più stupefatti e senza parole. Il salone d’ingresso è sicuramente una delle visioni più belle che io abbia mai trovato in urbex, ma se dovessi scegliere una seconda posizione avrei veramente l’imbarazzo della scelta. Ho fotografato con calma il secondo piano e appena il sole ha iniziato il suo percorso nel cielo sono tornato al primo piano: non volevo aprire le finestre e quindi mi sono visto costretto a scattare con esposizioni di diverse decine di secondi. Le immagini della stanza del biliardo rosso (ho scoperto il colore guardando le foto) sembrano luminose, ma hanno un tempo di scatto di 120 secondi. Era buio tarabu e sono andato a tentativi.

E mentre iniziavo a pensare a come fotografare il salone ecco la lieta novella: dalla porta sento delle voci, guardo fuori, e vedo arrivare una coppia, lui molto alto lei meno, con l’atteggiamento da giro al centro commerciale. La sensazione è stata quella come di essere Rambo nella foresta pluviale, silenzioso e camaleontico, e incontrare una coppia di turisti de Roma, rumorosi e sgargianti, che credono di essere a Fregene a Luglio. Imbarazzante. Dopo qualche simpatico convenevole (noi si fa urbex dal 1975) ho chiesto di poter fare le foto in quell’ultima stanza (la più scenografica) che poi sarei andato via in tempo zero. Il consiglio è sempre quello di fotografare prima la stanza più bella, io ovviamente riesco sempre a fare il contrario: anche quando sono da solo (ma nel caso speravo nell’arrivo del sole). Sono uscito rilassato e tranquillo, ho percorso il parco a ritroso, mi sono perso un paio di volte, ma sono riuscito a trovare la via di fuga.

Dopo qualche giorno ho scoperto che nel pomeriggio un altro fotografo, probabilmente più spensierato del sottoscritto, è stato chiuso dentro ed è riuscito ad uscire solo con l’aiuto delle forze dell’ordine (con le conseguenze del caso). E ripensando alle mie impressioni di quel giorno mi torna quel retrogusto amaro di cui parlavo all’inizio e non riesco a comprendere il perché. Forse è lo scampato pericolo.

Villa Kristal /26Villa Kristal /27

Villa Kristal /31Villa Kristal /32Villa Kristal /33

Villa Kristal /35Villa Kristal /34

Villa Kristal /36Villa Kristal /49Villa Kristal /51

Villa Kristal /02Villa Kristal /01

Villa Kristal /29Villa Kristal /38Villa Kristal /39

Villa Kristal /30

» CONTINUA A LEGGERE «

La casa dei peluche pazzi

POSTED ON 1 Apr 2024 IN Reportage     TAGS: URBEX

La casa dei peluche pazzi /01

Devo essere sincero: non mi aspettavo molto, non credevo che la pazzia dei peluche potesse essere interessante. Poi però mi è capitata l’occasione di passare da queste parti e ho colto la palla al balzo; d’altronde non si può dire no al fascino dell’urbex in solitaria. E se c’è una cosa che può caratterizzare un ambiente urbex è proprio la presenza di peluche, soprattutto se legati ad un periodo storico già fuori moda. È chiaro che il pianoforte, la carrozzina, il biliardo e la macchina da cucire, singer ovviamente, garantiscono un fascino decisamente più decadente, ma il peluche non è da sottovalutare.

La casa dei peluche pazzi è in stato di abbandono da ormai molti anni, il tempo e le intemperie hanno lasciato davvero poco da fotografare e la natura si è ripresa i suoi spazi (si dice sempre così quando un rampicante entra dalla finestra). Però qualche spunto interessante sono riuscito a trovarlo e la presenza di questi brutti pupazzi, distrutti, devastati, inquietanti, riesce a donare alla location un interesse maggiore di quello che pensavo.

Poi all’uscita mi sono dovuto cambiare d’abito perché dopo mi aspettava un evento mondano e non potevo presentarmi con i pantaloni da urbex, sporco e le ragnatele sulla maglia. Non avendo un camerino a disposizione mi sono visto costretto ad arrangiarmi sul sedile posteriore (la zona non è molto trafficata) e mentre mi abbottonavo i pantaloni -puliti- è saltato in aria il bottone a clips. Le imprecazioni sono ancora lì che rimbalzano in macchina.

La casa dei peluche pazzi /02La casa dei peluche pazzi /03

La casa dei peluche pazzi /05La casa dei peluche pazzi /07La casa dei peluche pazzi /08

La casa dei peluche pazzi /06La casa dei peluche pazzi /09

La casa dei peluche pazzi /10

» CONTINUA A LEGGERE «

Il collegio segreto

POSTED ON 30 Mar 2024 IN Reportage     TAGS: URBEX, school

Il collegio segreto /43

Ho deciso di definire questo collegio segreto per un motivo un po’ bizzarro e che forse esula dalle caratteristiche intrinseche della location; perché non è affatto segreto, ma nasconde un’insidia. Prima definiamo la situazione: siamo in un piccolo paese desolato, ma talmente desolato che alla richiesta di un bar per un caffè un local, che girava stancamente in bicicletta in cerchio senza apparente destinazione (noia mortale la domenica), ci ha suggerito di andare nel paese vicino (una roba che a raccontarla adesso mi sembra assurda); che qui i foresti non sono graditi (il corsivo è una mia libera interpretazione). Comunque aveva ragione, di bar aperti nemmeno l’ombra e siamo stati costretti ad avanzare senza caffè (per il giubilo dei miei compagni di avventura).

In questo angusta terra di mezzo sembra tutto abbandonato e non c’è anima viva (a parte il tipo simpatico in bicicletta): riusciamo comunque a trovare il nostro obbiettivo, la porta è aperta, l’entrata è semplice. Andiamo alla ricerca della chiesa, trovata, scopro l’aula di chimica, un altro giro veloce e siamo fuori in circa 30 minuti: un po’ di fretta perché avevo notato (dalla finestra) un tipo sospetto (una seconda anima annoiata) che con il cellulare all’orecchio guardava con insistenza nella nostra direzione.

Perché segreto? Semplice, uscendo andiamo in direzione della macchina (nascosta in un parcheggio vicino) e rimaniamo sorpresi da un gruppo di 4 persone con un’aria tipica, e facilmente riconoscibile, che mangiano in piedi dei panini con il bagagliaio della macchina aperta; con un abbigliamento che non avrei definito della domenica. Un paio di occhiate furtive e viene spontanea la domanda: Urbex? Ovviamente si, ci si conosce tutti, e scatta il racconto della nostra domenica in giro per il mondo abbandonato. Lì abbiamo trovato l’allarme, dall’altra parte c’erano i carabinieri, dall’altra parte ancora hanno chiuso con un lucchetto nuovo e siamo dovuti passare dalla finestra. Questo invece bellissimo, avete visto che meraviglia le stanza affrescate nella parte vecchia? Io e Lorena ci siamo guardati, una riflessione veloce e, nonostante la sua titubanza, ci siamo visti costretti (io ho costretto lei) a rientrare per visitare la parte segreta.

E quindi niente, di nuovo tutta la trafila, ma con le indicazioni passo/passo, da veri urbexer di livello, siamo riusciti anche noi a trovare la zona antica, introvabile e nascosta. A nostra discolpa posso dire che si passava da una scala buia e pericolosa, con anche qualche ragnatela, e le nostre paure ancestrali ci hanno impedito di varcare la soglia: poi c’era anche un canestro da basket rovesciato per terra (si vede bene nell’ultima foto) che impediva l’accesso in modo importante. Ma colpa mia, è nel mio DNA essere sempre un po’ frenetico. Bella comunque, il rientro ha meritato la fatica: era proprio necessario, non mi sarei mai perdonato la mancanza. Poi c’è anche quel discorso della Ferrari, ma è un’altra storia da raccontare…

Il collegio segreto /35Il collegio segreto /36

Il collegio segreto /33Il collegio segreto /34Il collegio segreto /39

Il collegio segreto /41Il collegio segreto /32

Il collegio segreto /38Il collegio segreto /40Il collegio segreto /42

Il collegio segreto /37

» CONTINUA A LEGGERE «

Villa Castagnola

POSTED ON 24 Mar 2024 IN Reportage     TAGS: URBEX, drone

Villa Castagnola /05

Villa Castagnola riprende il nome dei proprietari originali, una famiglia di nobili banchieri, e venne costruita all’inizio del secolo scorso. Fu successivamente ceduta alla famiglia Quaglia, che operava nel settore della ceramica e del laterizio, e cambiò nome, ma dopo l’8 settembre 1943 venne espropriata dai nazisti. La Famiglia Quaglia ritornò in possesso della Villa fino alla morte, nel 1972, del commendatore Eugenio Quaglia. Nella seconda metà degli anni ’70 venne comprata dalla società Castagnola che riprese il nome originale; purtroppo a seguito del fallimento, nel 1999, la Villa è in stato di abbandono, c’è un curatore fallimentare che purtroppo non è riuscito a vendere la proprietà.

Nel 2017 diversi roghi (forse dolosi) interessarono la Villa, ci fu l’intervento dei Vigili del Fuoco che dovettero sfondare la porta per riuscire a domare le fiamme. Purtroppo da quel giorno è iniziata l’invasione di ladri e vandali che negli ultimi anni hanno spogliato e devastato Villa Castagnola. Al piano terra, vicino alla piccola chiesa, sino al 2018 c’era anche un tipico gozzo ligure: non ha resistito a lungo, trafugato da qualche filibustiere moderno.

La mia esplorazione di Villa Castagnola è ormai datata 2022. Ho iniziato con un volo d’ispezione con il drone, quindi ho salutato la vicina di casa (uscita sul terrazzo a controllare) e ho chiesto informazioni: gentilmente mi ha detto di fare attenzione e mi ha raccontato degli incendi che hanno reso pericolosa la struttura (in realtà non tanto). Ho fotografato con tutta calma, ma al momento di andare via ho sentito delle voci: in urbex è sempre particolare il momento in cui si percepisce di non essere soli. Sono uscito allo scoperto e ho visto una ragazza che raccontava la storia della Villa a due turisti (non saprei come altro definirli). Mi sono presentato e in logica conseguenza aggiunto alla comitiva: non mi era mai capitato di fare una visita turistica illegale con tanto di guida in un luogo abbandonato.

Villa Castagnola /12Villa Castagnola /14

Villa Castagnola /15Villa Castagnola /21Villa Castagnola /25

Villa Castagnola /03Villa Castagnola /06

Villa Castagnola /04Villa Castagnola /11Villa Castagnola /20

» CONTINUA A LEGGERE «

Dancing Paradiso

POSTED ON 19 Mar 2024 IN Reportage     TAGS: URBEX, disco

Dancing Paradiso /09

Del Dancing Paradiso ho sentito tante cose ultimamente e devo ammettere che io non ho nemmeno sfiorato quell’empatia e quella meraviglia che ho letto in quasi tutte le recensioni (perdonatemi il termine). Sono un animo insensibile. Per me il dancing è stato confusione, ecco, confusione è il termine che rende meglio l’idea: dal punto di vista fotografico quasi fastidioso, claustrofobico, un insieme di oggetti alla rinfusa, nel disordine, nel degrado e nel buio quasi totale. Certo, c’è un mondo dietro, la vita della signora Paola si intreccia e si divide fra questi ricordi, fra questi pezzi di vita; purtroppo non sento la voglia di memoria che ascolto da tante parti.

Entrare nel Dancing, con la sua enorme mole di ricordi, mi ha fatto tornare in mente una storia che trovai in rete qualche tempo fa: fra 100 anni saremo tutti morti e sepolti. Fra i nostri discendenti nessuno saprà chi eravamo e nessuno si ricorderà di noi. Tutte le nostre proprietà e le nostre cose saranno di sconosciuti, che non sono ancora nati. E tutto questo insieme di oggetti, prezioso per alcuni, per il resto del mondo è semplicemente confusione: non mi ha lasciato sensazioni positive, mi ha fatto pensare che il tempo scorre velocemente e che tutto quello che oggi conserviamo domani sparirà nel nulla. Anche il Dancing Paradiso, nonostante una storia gloriosa, è diventato un’inutile accozzaglia di oggetti, alcuni orrendamente kitsch, e il tempo riuscirà a cancellare anche questo angolo di mondo destinato a scomparire, scusate la citazione, come lacrime nella pioggia.

Ammetto di aver qualche sintomo di distacco dai sentimenti, ma non credo di essere un replicante come Roy Batty: eppure nonostante fra queste pareti si siano raccontate storie d’amore, di amicizia, di vita, di tempo passato insieme, nonostante ci sia un intreccio di emozioni forti (anche senza andare vicino alle porte di Tannhäuser), anche il Dancing Paradiso è giunto al termine vita. Peccato, ma anche no: qualche volta forse è meglio non guardare indietro.

Se siete amanti del romanticismo, anche eccessivo, vi consiglio di leggere la storia del Dancing Paradiso raccontata da Lorena Durante: lei sicuramente ha percepito l’empatia di questo pezzo di storia.

Dancing Paradiso /10Dancing Paradiso /11

Dancing Paradiso /33Dancing Paradiso /34Dancing Paradiso /35

Dancing Paradiso /29Dancing Paradiso /30

Dancing Paradiso /28

» CONTINUA A LEGGERE «

Quel che resta del Monastero

POSTED ON 2 Mar 2024 IN Reportage, Landmark     TAGS: monument, 50ne

Monastero dei Benedettini /04

Ieri ho raccontato della mia esperienza di CronoDuello al Monastero dei Benedettini di San Nicolò l’Arena a Catania, ma non avevo ancora pubblicato le 5 foto scartate in fase di selezione. In realtà poco fa ho mandato in onda Il gatto dagli occhi storti e adesso vi propongo le restanti 4 foto eliminate. Niente di bellissimo, ma d’altronde se non le ho prese in considerazione un motivo ci deve essere, no?

Monastero dei Benedettini /05Monastero dei Benedettini /06Monastero dei Benedettini /07

          Older »