Pettinatura Italiana S.p.A.

POSTED ON 9 Gen 2021 IN Reportage

Pettinatura Italiana SPA /25

Il 9 gennaio 2001 è un giorno drammatico per il paese di Vigliano Biellese. Un terribile incendio sviluppatosi nel reparto cardatura della Pettinatura Italiana (chiamata affettuosamente Pettina dagli abitanti della zona) portò alla morte di 3 operai e al ferimento di altri 6. È la più grave tragedia sul lavoro mai avvenuta in una fabbrica tessile biellese. E’ un duro colpo dal quale, complice la crisi del settore, la Pettinatura Italiana non riesce più a sollevarsi: nel 2008 viene messa in liquidazione e infine il 30 marzo 2012 viene dichiarata fallita. La società venne fondata a Londra il 10 aprile 1905 come Società Anonima Pettinatura Italiana Limited da Carlo Trossi e soci inglesi, con sede legale a Bradford e stabilimento a Vigliano Biellese per la pettinatura conto terzi delle lane. Lo stabilimento di Vigliano era già attivo dal 1882 creato sempre da Trossi insieme a Agostino Agostinetti, che nel 1905 uscì dalla società. Durante la prima guerra mondiale, nel 1916, agli inglesi subentrò la famiglia Rivetti (Lanificio Rivetti) e la società trasferì definitivamente la sua sede in Italia.

Pettinatura Italiana significa per Vigliano anche “Villaggio Trossi e Rivetti”, costruito nel 1920, con le case per gli operai in stile bifamiliare, la chiesa di San Giuseppe Operaio, il convitto femminile, due lavatoi pubblici, forno, macello e il cine teatro Erios (Ermanno Rivetti Opere Sociali) con l’ Alpi (Associazione Lavoratori Pettinatura Italiana) centro di aggregazione e ricreazione.

Io credo che lo scopo più alto e importante della fotografia urbex sia quello di ricordare, di memorizzare, di impedire che la memoria venga dispersa. Molti sostengono che la mia sia una visione utopista, possibile, probabile, è quasi sempre così, una splendida utopia. Ma in alcuni casi è fondamentale tenere a mente il nostro passato per ragionare sul futuro. Il 9 gennaio 2001 si è consumata una tragedia per tante persone e non è giusto che venga dimenticata; come sempre si parla di recupero, il termine preferito dalla politica è polo culturale: studiando la storia e l’evoluzione di questi giganti destinati a morire è un qualcosa di molto comune, di già sentito. Gli anni passano, la memoria diventa labile, il tempo completa l’opera di chi permette l’abbandono nel nome del dio denaro (perché sempre di quello parliamo). La Pettina giace morente nel tessuto urbano di Vigliano Biellese, e dalle foto credo che si comprenda benissimo la situazione: oggi sono 20 anni dalla tragedia che ha cambiato per sempre la vita del paese. Non dimentichiamolo.

Pettinatura Italiana SPA /08Pettinatura Italiana SPA /09

Pettinatura Italiana SPA /01Pettinatura Italiana SPA /02Pettinatura Italiana SPA /03

Pettinatura Italiana SPA /04Pettinatura Italiana SPA /05

Pettinatura Italiana SPA /06Pettinatura Italiana SPA /07Pettinatura Italiana SPA /10

Pettinatura Italiana SPA /11Pettinatura Italiana SPA /12

«Studiare questo passato è un dovere morale nei confronti della storia del paese, della fabbrica che ne ha segnato così profondamente l’evoluzione, dei morti che commemoriamo il 17 gennaio a San Giuseppe e dei feriti che quotidianamente portano i segni di quella enorme tragedia» (Cristina Vazzoler, sindaco di Vigliano Biellese)

Pettinatura Italiana SPA /27Pettinatura Italiana SPA /28

Pettinatura Italiana SPA /13Pettinatura Italiana SPA /14Pettinatura Italiana SPA /15

Pettinatura Italiana SPA /16Pettinatura Italiana SPA /17

Pettinatura Italiana SPA /20Pettinatura Italiana SPA /21Pettinatura Italiana SPA /22

Pettinatura Italiana SPA /30Pettinatura Italiana SPA /31

Pettinatura Italiana SPA /23Pettinatura Italiana SPA /24Pettinatura Italiana SPA /29

Pettinatura Italiana SPA /18Pettinatura Italiana SPA /19

Pettinatura Italiana SPA /32Pettinatura Italiana SPA /33Pettinatura Italiana SPA /35

Pettinatura Italiana SPA /26Pettinatura Italiana SPA /34

Le foto dell’articolo sono state scattate da un celebre urbexer olandese: Wim Van Blisterkof.
Lascia un commento
L'indirizzo E-Mail non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *
Nome: *
E-Mail: *
Sito:
Commento: *