contatore gratis

Training

POSTED ON 28 Giu 2024 IN Sport, Portrait     TAGS: MODEL

Training

Monet on Ice

POSTED ON 28 Mar 2024 IN Sport, Performing Arts     TAGS: EVENT

Monet on Ice /19

Dopo Van Gogh (2021) e Klimt (2022) venerdì 12 Gennaio al Palavela di Torino è stata la volta di Claude Monet diventare protagonista con le sue opere della nuova produzione internazionale di Show on Ice, realizzata da Dimensione Eventi con la collaborazione dell’Associazione Culturale Dreams.

Una prima mondiale straordinaria, esclusiva per l’Italia, ancora ospite dell’impianto Olimpico del Palavela di Torino. Al centro della scena il video mapping che utilizza la pista come una tavolozza per disegnare i quadri dell’artista che ha fatto scoprire al mondo l’impressionismo: il ghiaccio diventa acqua vibrante nello “Stagno delle Ninfee”, si infiamma di un rosso vivo ne “I Papaveri”, si tinge dei colori dell’alba ne “Impressione, levare del sole” (il quadro manifesto dell’impressionismo).

In pista, sulle tele disegnate da Monet, si sono alternati campioni internazionali di pattinaggio, atleti fantastici provenienti da tutto il mondo che hanno sorpreso il pubblico con evoluzioni al limite della fisica e delle possibilità umane: Keegan Messing, da Anchorage (Alaska), due volte campione Grand Prix, campione nazionale canadese, Polina Edmunds, da Santa Clara (California), campionessa Four Continents e Usa Classic, Michail Shaidorov, dal Kazakistan, medaglia di bronzo della Coppa di Cina 2023, due volte tra i migliori del Four Continents e tre volte campione nazionale. Tra i protagonisti sui pattini anche la coppia italiana composta da Elisabetta Leccardi e Mattia della Torre, già nel 2022 in Klimt on Ice (il loro Tango ha estasiato il pubblico), la lettone Angelina Kucvalska, la svizzera Yasmine Kimiko Yamada, il francese Clement Pinel, conosciuto in tutto il mondo per il suo super flip, il salto mortale all’indietro con il quale ha raccolto il boato e l’applauso del pubblico.

Il sottofondo musicale è stato eseguito dalla Montecarlo Orchestra composta dalle musiciste Andrea Csury, Herics Csenge, Greta Eszer e Teodora Feher, dirette dal compositore e violinista di fama mondiale Edvin Marton (noto come il violinista dei pattinatori sul ghiaccio) che ha curato le musiche e gli arrangiamenti dello spettacolo e si è esibito in un assolo di violino al centro della pista (sul quale è arrivato con qualche difficoltà e problemi di equilibrio). Il maestro ungherese ha deliziato il pubblico con il suono inconfondibile del suo Stradivari, costruito a Cremona nel 1697 e utilizzato dal grande Nicolò Paganini 200 anni fa. Il violino è di proprietà di una banca Svizzera e Marton ha ottenuto il privilegio di utilizzarlo per tutta la vita durante una competizione mondiale che l’ha visto prevalere su altri 350 violinisti. L’esecuzione dell’Inverno di Vivaldi con la pioggia che bagnava la pista del Palavela è stata qualcosa di meraviglioso e unico.

Fra le novità dell’edizione 2024 la presenza di Sabino Gaita, tenore stabile al Teatro Regio di Torino dove si esibisce da oltre vent’anni, che ha coinvolto il pubblico sulle note della Turandot di Puccini.

Non è semplice raccontare, anche con l’aiuto delle immagini, la bellezza e le emozioni che si provano quando si ha l’onore di assistere ad uno spettacolo di questo livello, di questa meraviglia. I colori e la musica si fondono in uno scenario unico e regalano un palcoscenico, che possiamo definire al limite dell’immaginazione, ad atleti e artisti unici al mondo. Negli occhi e nel cuore rimane la sensazione di essere al cospetto di un evento che rimarrà impresso nella nostra memoria per lungo tempo. Grazie di questa magia.

Monet on Ice /01Monet on Ice /02Monet on Ice /03

Monet on Ice /04Monet on Ice /36

Monet on Ice /06Monet on Ice /07Monet on Ice /08

Monet on Ice /40Monet on Ice /47

Monet on Ice /12

» CONTINUA A LEGGERE «

Paracadutisti alle Vele D’Epoca

POSTED ON 12 Set 2022 IN Reportage, Sport     TAGS: event

Paracadutisti /01

Prima dell’evento e dell’inaugurazione della 23ª edizione delle Vele d’Epoca di Imperia si sono esibiti in calata Anselmi i paracadutisti del 1º Reggimento carabinieri Tuscania. Ho ascoltato tutta la presentazione del reggimento e dell’attività sportiva, ma sinceramente ricordo solo campioni del mondo. È stato emozionante assistere all’esibizione di questi autentici fenomeni del paracadutismo che riescono a scendere a velocità elevatissime e, grazie a manovre decisamente ardite, a centrare il punto di atterraggio stabilito con precisione millimetrica (quasi sempre). Fenomenali.

Paracadutisti /05Paracadutisti /06

Paracadutisti /02Paracadutisti /03Paracadutisti /04

Paracadutisti /07Paracadutisti /08

Fabio Cavallo -Sunset Running Race-

POSTED ON 17 Apr 2021 IN Portrait, Sport     TAGS: event, running, wideaperture

Fabio Cavallo /01Fabio Cavallo /02

Questo pomeriggio si corre la decima edizione della Sunset Running Race; mi era balzata in testa la malsana idea di navigare verso Prato Nevoso (per fotografare, non certo per correre), ma la pigrizia e qualche impegno famigliare mi hanno costretto a desistere. Ho sopperito alla nostalgia riguardando le immagini del 2018 che purtroppo, causa condizioni climatiche decisamente avverse, sono terribili (cioè, non si vede niente per la nebbia). Però ho trovato queste due immagini scattate all’arrivo che ritraggono il velocissimo Fabio Cavallo, che se non ricordo male arrivò secondo. E le trovo almeno interessanti. Anche quest’anno il podista chiusano sarà ai nastri di partenza e fra i favoriti alla vittoria finale: in bocca al lupo, e magari ci vediamo il prossimo anno (potrei correre e fotografare contemporaneamente)(con pessimi risultati in entrambe la categorie).

Windsurf 2013

POSTED ON 16 Mar 2021 IN Sport     TAGS: windsurf, sail, sea

Windsurf 2013 /03Windsurf 2013 /01

A suo tempo avevo clamorosamente bocciato queste immagini. Era stato una scelta di tempo veloce, qualche scatto (pochi) sulla spiaggia in una giornata che stava diventando uggiosa. A distanza di 8 anni devo dire che non erano poi così male: sarà anche la voglia di sport e di acqua salata che nell’ultimo anno di Covid abbiamo visto e assaporato sulle labbra con il contagocce, ma voglio pubblicarle a distanza di tempo, molto tempo. Che dite, riuscirò a scattare gli sport acquatici la prossima estate?

Windsurf 2013 /02Windsurf 2013 /05Windsurf 2013 /04

Circuito di Morano sul Po

POSTED ON 15 Mar 2020 IN Reportage     TAGS: urbex, sport

Circuito Morano sul Po #01

Il circuito abbandonato di Morano sul Po è uno di quei luoghi urbex che sognavo di visitare da tempo. Non è niente di eccezionale dal punto di vista fotografico, ma è un impianto sportivo che ha fatto la storia dell’automobilismo italiano e l’idea di riuscire a fare qualche passo su quell’asfalto percorso da automobili sportive nei favolosi anni ’70 mi affascinava. Purtroppo questo circuito ha avuto vita breve: inaugurato il 19 marzo 1973 dalla Ferrari 312 B2 di Arturo Merzario raggiunge l’apice l’anno dopo con 17 competizioni, 2151 piloti e 100000 spettatori totali; ma gli abitanti dei comuni vicini non sono favorevoli al rombo dei motori e le polemiche divampano. Il 18 agosto 1977 una ruspa entra sul circuito e distrugge 500 metri di pista. E’ la fine di un’epoca, breve, ma intensa. Nel 1980 si parla di riapertura, il tracciato viene riasfaltato, ma è un fuoco di paglia. Sono passati oltre 40 anni da quando il rumore dei motori si è spento. Arrivare sulla pista è molto semplice, basta seguire le indicazioni di Google Maps: quando si è sull’asfalto la sensazione è di tristezza, di malinconia. Sono rimasto nella zona dei box, sulla griglia di partenza: le possibilità fotografiche non sono molte, ma ho cercato comunque di trasmettere l’idea di vuoto. Il circuito di Morano sul Po ha avuto una vita breve, ma il suo fascino rimane intatto. Anzi, oggi forse anche di più.

Circuito Morano sul Po #04Circuito Morano sul Po #03

Circuito Morano sul Po #02Circuito Morano sul Po #05Circuito Morano sul Po #06

Circuito Morano sul Po #08Circuito Morano sul Po #07

Chiamato “Circuito di Casale Monferrato”, visto la maggiore importanza che quel centro storico rivestiva (e riveste tutt’oggi) nella zona, il tracciato tocca due comuni, Morano sul Po e Pontestura. La pista è lunga 2460 metri, è larga 11 e ha 8 curve (6 a destra), e si percorre in senso orario. Qui gareggiano la F.3 Italiana, il Challenge Ford Escort Mexico, il Giro d’Italia automobilistico e numerose serie a titolazione italiana e svizzera.