La clausura violata

POSTED ON 13 Apr 2021 IN Reportage

La clausura violata /02

Sono solo e mi avvicino, in religioso silenzio, a quella che nel secolo scorso era la Certosa della Motta Grossa. Qui una volta c’era un importante convento di clausura. Nel 1903 a seguito di leggi che soppressero le case monastiche, la comunità certosina femminile di Bastide Sainte Pierre a Montauban nella Garonna in Francia, dovette abbandonare il proprio convento trovando rifugio in Italia, presso un antico castello di Riva di Pinerolo chiamato Motta Trucchetti.

Furono realizzati grandi lavori di ristrutturazione, iniziati nell’ottobre 1903, eseguiti sotto la direzione di Dom Roch Mallet, procuratore della Grande Chartreuse, il quale rese gli edifici idonei alla regola monastica certosina. Fu installato un bellissimo orologio, proveniente dalla certosa di Le Reposoir, che fu posto in una torre quadrata, a una cinquantina di metri dal convento. Poiché l’antica cappella di San Giovanni Battista, situata nel giardino, era troppo piccola, ne fu costruita un’altra più spaziosa, e Dom Michel Baglin andò a benedirla il 12 maggio del 1904 titolandola a Santa Rosellina. In questo luogo la comunità religiosa rispettò la regola certosina come casa rifugio, e soltanto in seguito, nel 1936, visto la notevole crescita del numero di monache, si decise di erigere una certosa autonoma conosciuta con il nome di Motta Grossa.

La struttura monastica è composta da un enorme edificio eretto su due livelli, al centro si trova la Chiesa del quale ormai non rimane più nulla: anche il bellissimo crocifisso ligneo è sparito. Al piano superiore un lunghissimo corridoio porta alle celle dove vivevano le sorelle. Le monache rimasero nel convento sino al 1998 anno in cui si trasferirono alla certosa di Vedana lasciando il complesso monastico all’Istituto diocesano per il sostentamento clero di Torino. Da quel giorno la Motta Grossa è in stato di completo abbandono, preda dei vandali che hanno distrutto tutto il possibile. Oggi è un luogo vuoto e spettrale, svetta tra la fitta vegetazione che quasi ne impedisce l’accesso, il cancello arruginito è rimasto come ultima ma inutile protezione.

La clausura violata /01La clausura violata /03

La clausura violata /16La clausura violata /17La clausura violata /15

La clausura violata /37La clausura violata /38

La clausura violata /36

Tutto ora è abbandonato: finestre spalancate, persiane penzolanti, porte sfondate, muri fessurati dall’umidità e rampicanti che s’infilano in ogni dove quasi per inglobare di nuovo nella natura quel pezzo di mondo.

La clausura violata /26La clausura violata /27La clausura violata /28

La clausura violata /07La clausura violata /08

La clausura violata /51La clausura violata /06La clausura violata /10

La clausura violata /42La clausura violata /44

La clausura violata /18La clausura violata /19La clausura violata /40

La clausura violata /04La clausura violata /05

La regola di clausura (dal latino claudere, “chiudere”) è la regola che disciplina l’ingresso e l’uscita per alcuni ordini religiosi. Per gli uomini la clausura è passiva, ossia non consente l’ingresso delle donne. Per le donne, invece, è attiva e passiva, vale a dire che è proibito sia l’ingresso in monastero degli esterni, sia l’uscita delle monache. Tuttavia il vescovo diocesano può, in caso di necessità, permettere che le monache escano dalla clausura per il tempo strettamente necessario. Nel linguaggio ecclesiastico, il termine clausura indica, materialmente, uno spazio chiuso per il ritiro religioso, e formalmente, le regole sull’entrata ed uscita dei religiosi e dei visitatori.

La clausura violata /11La clausura violata /12

La clausura violata /09La clausura violata /35La clausura violata /39

La clausura violata /48

La clausura violata /29La clausura violata /30

La clausura violata /14La clausura violata /23La clausura violata /21

La clausura violata /13La clausura violata /41

La clausura violata /20La clausura violata /25La clausura violata /33

La clausura violata /43

La clausura violata /22La clausura violata /24

La clausura violata /34La clausura violata /49La clausura violata /50

La clausura violata /31La clausura violata /32

La clausura violata /45La clausura violata /46La clausura violata /47

Nella vita, come nell’arte, è difficile dire qualche cosa che sia altrettanto efficace del silenzio.
– Ludwig Wittgenstein

Lascia un commento
L'indirizzo E-Mail non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *
Nome: *
E-Mail: *
Sito:
Commento: *