contatore gratis

La casa di Orazio e Lucrezia

POSTED ON 9 Gen 2024 IN Reportage

La casa di Orazio e Lucrezia /05

Ci sono diverse motivazioni che mi spingono sempre con maggiore frequenza nella fotografia urbex e non sono semplici da descrivere. La prima forza che mi muove è sicuramente la fotografia: in questo genere, per certi versi molto complicato, è possibile trovare sempre nuovi stimoli e nuove prospettive. È fotografia di interni, di architettura, ma con un fascino vintage e decadente che rende l’urbex quasi uno stile di vita, vorrei usare la parola ribelle, ma forse sto esagerando.

Il secondo motivo è sicuramente la scoperta, la storia che si nasconde dietro ad ogni avventura in luoghi abbandonati. E la storia di Orazio e Lucrezia è intrigante, malinconica, straniante, triste. La si intuisce, la si comprende e si entra in sintonia con loro anche se non sono più parte del nostro mondo ormai da tempo. È come quando ci si innamora di un film e si vorrebbe diventare amici dei personaggi di quella pellicola. Con Orazio e Lucrezia si prova una sensazione simile, ma loro sono reali e si impara a conoscerli osservando la loro vita, la loro casa, quello che hanno lasciato nel tempo senza che nessuno potesse custodire il loro lascito. Viene anche definita La Villa del Bersagliere, non sono riuscito a capire se ci siano della verità nella definizione, ma sicuramente qui viene raccontata la perdita di un figlio e si impara a conoscere la tristezza e il dolore che hanno accompagnato la seconda parte del secolo scorso. È un insieme di ricordi e malinconia che, pur senza conoscerli, fanno amare i protagonisti di questa storia, tratto da una storia vera si dice al cinema, quasi a volerli abbracciare se fossero ancora qui.

Fra queste mura abbiamo scattato in silenzio, sottovoce, con un rispetto ancora maggiore in confronto ad altre esplorazioni. Perché certi messaggi, conservati con estrema cura per anni, fanno scendere le lacrime dagli occhi e ti lasciano dentro una sensazione di empatia non semplice da descrivere. Quando siamo usciti il nostro cuore era contrariato e felice, ma colmo di un’aurea indecifrabile di emozioni e suggestioni positive. Ma quello che sorprende è che probabilmente è solo immaginazione, tentativi di pochi minuti per decifrare un codice che richiederebbe un’analisi molto più approfondita: sono fantasie che si possono elaborare e diventare una sorta di realtà. La nostra realtà aumentata ed è questo rende incredibile questo viaggio. E voglio chiedere scusa a Orazio e Lucrezia per aver osservato, come in un film, la loro vita, ma mi sento di mandargli un abbraccio perché in questi pochi minuti gli ho voluto bene. Davvero. Sembra impossibile, ma è così.

La casa di Orazio e Lucrezia /26La casa di Orazio e Lucrezia /27

La casa di Orazio e Lucrezia /03La casa di Orazio e Lucrezia /04La casa di Orazio e Lucrezia /07

La casa di Orazio e Lucrezia /14La casa di Orazio e Lucrezia /15

La casa di Orazio e Lucrezia /08La casa di Orazio e Lucrezia /09La casa di Orazio e Lucrezia /13

La casa di Orazio e Lucrezia /02La casa di Orazio e Lucrezia /11

La casa di Orazio e Lucrezia /06

La casa di Orazio e Lucrezia /10La casa di Orazio e Lucrezia /12

La casa di Orazio e Lucrezia /19La casa di Orazio e Lucrezia /24La casa di Orazio e Lucrezia /25

La casa di Orazio e Lucrezia /20La casa di Orazio e Lucrezia /21

La casa di Orazio e Lucrezia /18La casa di Orazio e Lucrezia /22La casa di Orazio e Lucrezia /23

La casa di Orazio e Lucrezia /01

La casa di Orazio e Lucrezia /28La casa di Orazio e Lucrezia /17

La casa di Orazio e Lucrezia /30La casa di Orazio e Lucrezia /31La casa di Orazio e Lucrezia /32

La casa di Orazio e Lucrezia /29La casa di Orazio e Lucrezia /16

Lascia un commento
L'indirizzo E-Mail non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *
Nome: *
E-Mail: *
Sito:
Commento: *