photosnever sleep
Federica B.

Federica #01

Federica #04

Federica #05Federica #06Federica #03

#capitanselfie

#capitanselfie

C’è questo mio amico di Imperia (i pazzi nascono tutti da quelle parti) che si è inventato questa cosa del #capitanselfie. Non chiedetemi perché, in certi casi è meglio non fare troppo domande. Si tratta di scattarsi un foto con lo smartphone davanti ad un occhio, come se fosse la benda di Capitan Harlock. E mentre premevo il pulsante di scatto del telecomando, davanti allo specchio, cantavo: “capitan selfie, ta-da, capitan selfie, ta-da, fammi volare capitano…”. Potete immaginare il livello altissimo della situazione. Ho seguito le regole di ingaggio da vero #capitanselfie in modo esemplare, ma ho preferito utilizzare la reflex con il 50 f/1.2 non utilizzato (udite udite) a tuttaapertura; nelle regole d’altrocanto non c’è scritto da nessuna parte che la foto dev’essere scattata con lo smartphone (del quale ho preferito nascondere la marca). Ave, #capitanselfie, morituri te salutant.

1. Tenere lo smartphone su un occhio;
2. Fotografarsi di fronte ad una superficie riflettente;
3. Scatto da inviare in bianco e nero;
4. Ci stiamo pensando…
Elisa

Elisa #01Elisa #02

Roberta (Reprise)

Roberta #09

Questo post porta con se una serie di novità. Ho scattato queste immagini a Roberta circa due anni fa, avevo già pubblicato qualcosa e infatti questa è una reprise. Ma torniamo alle novità. Questo è l’ultimo post di studio in cui aggiungerò parole. Ho preso questa decisione perché ho ancora tantissime foto del genere da pubblicare e molte volte le parole sono inutili e rumorose. E noiose. Non diventerà una regola fissa: se ci sarà qualcosa di interessante da scrivere lo farò, ma in un certo tipo di foto trovare parole interessanti è davvero difficile. Ho anche deciso di inserire una foto verticale (anzi, sono due): è la prima volta nella storia di questo sito. Non era mai successo (come anche la grafica 2×2 del post precedente). Non credo sarà l’ultima: il formato orizzontale 4×3 rimane il mio preferito, ma cambiare qualcosa non è certo la morte di nessuno. Altre cose mi girano in testa ma per oggi non voglio esagerare. E intanto ammirate la splendida semplicità di Roberta.

Roberta #10Roberta #11

Roberta #12Roberta #13Roberta #14

Roberta #07Roberta #08

Roberta #15Roberta #16Roberta #17

Roberta (2×2)

Roberta #03Roberta #04

Roberta #06Roberta #05

Towel Day

Towel Day

Il fatto è che me ne sono ricordato soltanto ora.
Oggi è il Towel Day, conosciuto ai più come giorno dell’asciugamano. Ricorrenza dedicata a quel genio della creatività, di cui non si parla mai abbastanza, che risponde(va) al nome di Douglas Adams. Un invito quindi a leggere la Guida o quantomeno a sfogliare la sua trilogia in cinque parti.

42.

Ho ripreso e (leggermente) modificato un vecchio post di Tiziano Caviglia. Sono praticamente dieci anni che voglio ricordare Douglas Adams pubblicando una foto con l’asciugamano (no, andarci al lavoro è troppo) ma alla fine non ci riesco mai. Ma questa volta no, questa volta mi sono mosso per tempo. Almeno nelle intenzioni: ovviamente ho scattato la foto all’ultimo secondo disponibile. Non mi smentisco mai. Purtroppo è un selfie (anche mezzo copiato), ma questo passa il convento. :)

Erika

Erika

Alice, il coniglio e la pecora

Buona Pasqua!Alice & Betty Pecora

In questo periodo Alice si diverte a giocare con gli Amici della Fattoria, una serie di pupazzi che l’IperCoop regala (si fa per dire, 200 euro di spesa e un piccolo contributo) con una raccolta di bollini. Abbiamo Diego il caprone, Betty la pecora e Tobia l’asino (quindi è facile calcolare la spesa). E c’è anche un concorso fotografico (ad estrazione, non meritocratico) legato alla raccolta: le prime 20 foto estratte possono vincere un pupazzo di Tobia alto un metro. Dovevo partecipare, per forza; abbiamo scelto Betty la pecora. E ho sfruttato l’occasione per qualche foto in tema pasquale da regalare ai nonni: Alice con il cappello da coniglio. Purtroppo le foto con le uova di Pasqua non sono riuscito a realizzarle: la piccola ha deciso di lanciarle come se fosse in gara per il getto del peso alle olimpiadi. Pazienza. Colgo l’occasione per augurare a tutti (proprio tutti) una felice e serena Pasqua.