photosnever sleep
Subsonica Backlight Caos

Subsonica @ Mondovisioni #05

Samuel

Samuel

Subsonica @ Mondovisioni 2015

Subsonica @ Mondovisioni #04

Quest’anno Collisioni si sposta (una piccola parte) a Mondovì e diventa, come per incanto, Mondovisioni. Il gioco di parole risulta automatico e stucchevole (a Mondovì è tutto un mondoqualcosa) ma tant’è: tocca accontentarci della poca fantasia del marketing nostrano. In programma ci sono, fra gli altri, i Subsonica; che giocano quasi in casa visto le loro origini torinesi. E io non posso mancare (ma potevo facilmente evitare, come ho fatto, Francesco Renga). L’ambiente è più ampio rispetto a Barolo, decisamente più ampio: questo facilità i movimenti ed il parcheggio ma l’atmosfera è tanto meno affascinante. Il palco è bellissimo: la mongolfiera con la scritta Mondovisioni, Mondovì è capitale italiana del volo aerostatico, è in grande evidenza e cattura l’attenzione. I Subsonica, guidati da un Samuel frizzante ed in grande spolvero, suonano due ore di grandissima musica: i loro pezzi più conosciuti (Lazzaro, Nuova Ossessione, Discolabirinto) e i brani di ‘Una nave in una foresta’, l’ultimo album. Ho scattato 756 foto (mischiato fra il pubblico). Ne ho scelte 6, ma queste quattro rappresentano al meglio il concerto. Vietato pogare.

Subsonica @ Mondovisioni #01Subsonica @ Mondovisioni #02Subsonica @ Mondovisioni #03

Zibba & Almalibre

Zibba & Almalibre #01

Ieri sera ho dichiarato aperta la stagione dei concerti all’aperto. Zibba & Almalibre, ospiti del birrificio Baladin a Cuneo, non hanno tradito le mie aspettative: un bellissimo concerto, con un folto pubblico e vibrazioni molto forti. Conoscevo pochissime canzoni dell’artista Varazzese (fra le altre ‘Senza di te’ vincitrice del premio della critica all’ultimo festival di Sanremo) ma la sua voce ed il suo sound mi hanno impressionato positivamente: davvero molto bravo, un animale da palco che ha stregato ed affascinato il pubblico. Un paio di aspetti negativi, a dire il vero, sono riuscito a trovarli: la piattezza delle luci (ma ad un palco semplice ed improvvisato è difficile chiedere oltre) e le sigarette; Zibba avrà fumato un intero pacchetto durante il concerto e non ho trovato la cosa per niente apprezzabile. Le foto senza nicotina in mano sono rarissime. Il più fotogenico del gruppo è sicuramente il bassista, Stefano Cecchi, al quale ho dedicato almeno metà degli scatti. Barba, tatuaggi ed aria disincantata sono un must al quale, dal punto di vista fotografico, è impossibile resistere.

Zibba & Almalibre #02Zibba & Almalibre #03

Ancora Gianna Nannini

Gianna Nannini @ Collisioni 2013 #05

Non credo che la mia passione per la musica di Gianna Nannini sia un mistero. E riuscire a scattare da sotto il palco è stato qualcosa di fantastico e, diciamo, inaspettato: quando è entrata in scena (concentrata e con gli occhi chiusi) ho avuto un attimo di esitazione ma sono riuscito a riprendermi quasi subito. Dopo le prima due canzoni (durante il quale ho fotografato) sono comunque andato ad ascoltarla fra il pubblico e, con esperienza, ho conquistato una posizione discreta. E dal vivo è sempre straordinaria, nonostante gli errori e le invenzioni.

Gianna Nannini @ Collisioni 2013 #08Gianna Nannini @ Collisioni 2013 #03Gianna Nannini @ Collisioni 2013 #06

Gianna Nannini fa impazzire Barolo

Gianna Nannini @ Collisioni 2013 #01 by Samuele Silva (samuelesilva)) on 500px.com

Una giornata caldissima, il sabato di Collisioni 2013, ma anche quando scende il sole, l’entusiasmo dei fans della rocker numero uno in Italia si mantiene alto! Sono in tanti, la piazza rossa di Barolo è stracolma di gente, tutti per lei: Gianna fa esplodere le Creature Selvagge di Collisioni con “Scegli me”. Brani tratti dell’ultimo album, Inno, e repertorio storico da Maschi a Ragazzo dell’Europa, durante il quale sventola con orgoglio la bandiera con il Simbolo dell’Oca, la sua contrada, recente vincitrice del Palio di Siena. La Nannini si scatena, con la grinta di una ragazzina; sulle note di America, provoca, slacciandosi il reggiseno e mostrandolo al pubblico. Lascia il palco per tornare con in mano un bicchiere di Barolo e propone un brindisi. Dedica “Meravigliosa creatura ” a chi sulla piazza non è riuscito ad arrivare e ascolta il concerto dalle colline, nelle vigne. Nonostante i quasi 40 di carriera Gianna Nannini è ancora uno straordinario animale da palco.

Foto di/Photo by Samuele Silva – Parole di/Words by Michela Agnese.
Tratto da/From Quotidiano Piemontese

Gianna Nannini @ Collisioni 2013 #07 by Samuele Silva (samuelesilva)) on 500px.comGianna Nannini @ Collisioni 2013 #02 by Samuele Silva (samuelesilva)) on 500px.com

Gianna Nannini @ Collisioni 2013

Gianna Nannini @ Collisioni 2013 #04 by Samuele Silva (samuelesilva)) on 500px.com

Se non sai com’è bello impazzire…

Gianna Nannini @ Collisioni 2013 #09 by Samuele Silva (samuelesilva)) on 500px.com

se non sai come è bello impazzire
scegli me scegli me
se lo sai e non riesci a dormire
scegli me scegli me

il mio bacio è come un rock
avvelena l’esistenza
provaci e vedrai
benedetta innocenza
non ti salverai dall’amore

Se non sai di che morte morire
scegli me scegli me
e chissà dove andiamo a finire
scegli me scegli me

io lo so che te ne vai
non si vince senza perdersi
forse capirai cos’è il dolore
e quanto male fai con l’amore