photosnever sleep
Sogno di mezza estate

Natural Born

Sogno di mezza estate in Val Ellero è il titolo, difficile, di un concorso fotografico organizzato dall’associazione Artusin in collaborazione con MondovìPhoto. Non ero assolutamente intenzionato a partecipare sino a quando non mi sono ricordato di aver scattato, nel 2013, una serie di fotografie proprio nel fiume Ellero. La modella è Francesca e proprio lei mi aveva portato in questo piccolo angolo di paradiso. Dopo Rastello (interessante frazione del comune di Roccaforte Mondovì) il fiume Ellero fa una piccola ansa e qui si forma un laghetto con tanto di minuscola cascata. Semplicemente splendido e semplicemente perfetto per un sogno di mezza estate.

Sogno di mezza estateDream

Every storm bring a rainbow

Photograph Every storm bring a rainbow #01 by Samuele Silva on 500pxPhotograph Every storm bring a rainbow #02 by Samuele Silva on 500px

Disappointments, failures, pain, wounds still bleeding and certainly indelible. But the strength and heart of a woman won’t never wither; she will rise again forever. (Francesca Aragno)
Queen on chess field

Photograph Queen on chess field by Samuele Silva on 500px

Will you be in Paris????

Will you be in Paris????

Ho deciso di pubblicare quest’immagine perché da qualche giorno è la foto profilo di Francesca su Facebook. E ha ricevuto oltre 100 like in poche ore; ma sinceramente non credo sia per la qualità della foto. Fra i commenti uno mi ha incuriosito: “Will you be in Paris????”. Con addirittura 4 punti di domanda. Era un po’ slegato da tutto il resto, un coniglio che spunta dal cilindro: e al sottoscritto serviva un titolo. Ho poca fantasia in generale, per i titoli delle foto poi sono proprio negato. E Francesca in rosso mi sembrava terribilmente banale.

Francesca [Cover]

Francesca [Cover] by Samuele Silva on 500px.com

Avrei potuto scegliere una foto qualsiasi (o quasi) per iniziare a pubblicare le immagini di Francesca. Una qualsiasi delle oltre 500 foto che abbiamo scattato. Eppure ho scelto questa; perché mi piace la luce calda della sera e perché lo sguardo e l’espressione di Francesca sono perfetti: un mix di dubbio e perplessità, un insieme di incredulità e stupore molto ben celati e riusciti nelle pieghe della bocca. E mi ricordano il momento, mi spiegano a distanza di tempo, mi fanno capire che forse talvolta sarebbe meglio non parlare. Il silenzio è d’oro dicono.