photosnever sleep
Madonna del Pino

Madonna del Pino

E qui vedete ritratta la celebre Madonna del Pino. Il fatto che sia celebre è pura invenzione, io non l’avevo mai sentita nominare. Presumo che il nome derivi dal pino (diventato poi misteriosamente maiuscolo nel nome) che si trova sulla destra della chiesa. Sono arrivato ad ammirare questo piccolo promontorio sopra Demonte (CN) dopo una lunga passeggiata a cavallo: mi avevano sconsigliato di portare la reflex ma io, testardo come un mulo, non ho voluto sentire ragioni; e non mi sono affatto pentito della scelta. Arrivati alla prima sosta sono sceso da ‘Rosamunda’ e ho fotografato questo bellissimo e quasi incontaminato piccolo angolo di Piemonte. Per valutare correttamente l’esposizione (nel controluce è sempre molto difficile) ho scelto una lettura media (center-weighted average): la lettura della luce viene calcolato su tutta l’area con una leggera prevalenza alla zona centrale. Essendo la chiesa più scura rispetto al cielo ho deciso di valutare la scena dando prevalenza alla zona centrale: sul momento mi è sembrata una giusta via di mezzo. E probabilmente il mio intuito non ha sbagliato.

Twist in my sobriety

Twist in my sobriety

Cup of tea, take time to think, yea
Time to risk a life, a life, a life
Sweet and handsome
Soft and porky
You pig out ‘til you’ve seen the light
Pig out ‘til you’ve seen the light

Half the people read the papers
Read them good and well
Pretty people, nervous people
People have got to sell
News you have to sell

Look my eyes are just holograms
Look your love has drawn red from my hands
From my hands you know you’ll never be
More than twist in my sobriety
More than twist in my sobriety
More than twist in my sobriety

Marika [Backlight]

Marika (backlight)

Relax on the beach (at the Sunset)

Relax on the beach (at the sunset)

Siamo sulla spiaggia di Cadiz, sono da pochissimo passate le otto si sera. Il sole è quasi al tramonto ma la temperatura è perfetta per godersi l’oceano Atlantico. Sto passeggiando sulla battigia, un paio di bambini corrono sulla riva, una gruppo di ragazzi (presumo una squadra di calcio) corre a piedi nudi dove la sabbia è più morbida. E vicino a me due signori di una certa età, incuranti della giornata che muore, si godono gli ultimissimi raggi di sole: due comode sedie, il più classico degli ombrelloni da spiaggia con i vestiti appesi, berretto e ciabatte. Incantevole stereotipo.

Walking in the sand

Walking in the sand

Child. Move. Three.

Child. Move. Three.

Questa foto è la mia candidata alla vittoria nel concorso fotografico indetto da Mondovìphoto: “…in movimento”. Per questo tema volevo evitare il solito panning oppure la terribile equazione foto mossa=movimento; e quindi ho scelto di raccontare il tema attraverso una piccola storia: un bambino che gioca e si muove, al tramonto, sulla spiaggia di Cadiz. Il taglio orizzontale mi sembrava più adatto all’idea e soprattutto al tipo di immagine (spiaggia, mare, tramonto). E’ un modo di vedere il movimento in fotografia un po’ diverso dal solito clichè. Speriamo la foto incontri i favori del pubblico. ;-)