photosnever sleep
Corsa Rosa

Corsa Rosa

In questi giorni le strade italiane sono percorse dalla carovana festante del Giro D’Italia. Fra le tappe della prima parte (quella dedicata ai velocisti) spiccava (per la sua brevità) la Savona-Cervere che, guarda caso, transitava proprio da Mondovì. Ho deciso quindi di dedicare qualche ora del pomeriggio alla corsa rosa e sono salito sull’unica asperità della giornata: il colle di Cadibona. L’attesa è stata lunghissima e noiosa. Esiste uno sport più noioso del ciclismo? Prima del passaggio degli atleti ho contato qualcosa come 30 furgoni che, a tutto volume, vendevano il kit del giro: maglietta, cappellino, braccialetti di gomma e altre amenità a 10 euro. Snervante. Sulla piazza di Montezemolo, dove arrivava il Gran Premio della Montagna, faceva bella mostra di se una bicicletta interamente di legno con cappellino rosa dedicato al Giro D’Italia. Non ho resisto alla tentazione.

UN COMMENTO
Lascia un commento
L'indirizzo E-Mail non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *
Nome: *
E-Mail: *
Sito:
Commento: *
*